Me

La protesta in gonna di centinaia di studenti in una scuola britannica

I pantaloncini corti sono vietati dal codice di abbigliamento in un istituto di Exeter. Ma gli studenti hanno deciso di aggirare le regole. La storia

Immagine di copertina
Credit: Bbc.com

In una scuola di Exeter, nel Regno Unito, decine di ragazzi si sono presentati alle lezioni indossando una gonna, dopo che il direttore dell’istituto si era rifiutato di concedere l’utilizzo dei pantaloncini corti.

Secondo il codice della Isca Academy ai ragazzi è vietato l’uso di degli shorts, ma l’ondata di caldo che ha coinvolto il Regno Unito negli ultimi giorni con temperature oltre i 30 gradi, ha reso più impellente la necessità di rivedere queste regole. 

I ragazzi, che si sono visti rifiutare la richiesta di ammorbidire il codice di abbigliamento scolastico, hanno così deciso di manifestare il loro dissenso. Si sono fatti prestare le gonne dalle loro compagne, parenti o amiche e hanno cominciato a circolare nell’istituto con le gambe scoperte, al pari delle loro colleghe di sesso femminile.

“Sono partiti in cinque e nel giro di pochi giorni sono diventati centinaia”, ha raccontato uno studente al Guardian.

“I bambini non amano le ingiustizie”, ha affermato la madre di uno studente. “Vedono gli insegnanti andare in giro con sandali, gonne e top, mentre loro sono obbligati a indossare lunghi pantaloni e scarpe chiuse, è logico che chiedano maggiore libertà”.

“Mio figlio voleva mettere i pantaloncini, il direttore gliel’ha vietato e gli ha consigliato di indossare la gonna se avesse voluto”, ha spiegato un altro genitore. “Lui lo ha preso alla lettera e questo è il risultato”.