Me

Come si è diffusa la bufala della coppia respiriana che vive senza mangiare

Diversi quotidiani stranieri e italiani hanno riportato la storia di Akahi Ricardo e Camila Castello, che affermano di vivere nutrendosi dell'energia dell'universo. Ecco cosa c'è dietro

Immagine di copertina

Il 15 giugno il quotidiano britannico The Sun ha pubblicato una notizia su una coppia che in una video intervista racconta di non consumare cibo di alcun tipo. Akahi Ricardo e Camila Castello dichiarano infatti di essere respiriani (“breatharians” in inglese) e di nutrirsi quasi esclusivamente con “l’energia dell’universo”.

La notizia è stata ripresa da molti quotidiani internazionali e italiani, che hanno dato risalto alla testimonianza senza verificare l’origine della storia.

Innanzitutto, partiamo dal respirianesimo. Quest’ultimo è una credenza i cui aderenti pensano di poter sopravvivere solo respirando, appunto, il prana – la presunta energia vitale dell’induismo – e l’energia del Sole. A oggi non esiste evidenza scientifica di alcun tipo che possa avvalorare questa tesi.

Anzi, quando si è cercato di testare per via sperimentale l’ipotesi respiriana, i soggetti hanno sempre mostrato un peggioramento di salute che ha portato alla conclusione dei test.

Il caso più famoso è quello di Jasmuheen, una donna australiana, tra le fondatrici del movimento. Jasmuheen nel 1999 aveva cercato di dimostrare in un esperimento per una trasmissione televisiva di poter vivere senza acqua e senza cibo. Dopo 48 ore, però, la donna aveva mostrato segni di disidratazione, stress e pressione del sangue elevata.

Ma come si è diffusa la storia di Akahi Ricardo e Camila Castello?

In un articolo, la Cnn ha ricostruito la diffusione della notizia. La coppia ha affidato la propria testimonianza alla News Dog Media, una compagnia britannica di content creation, che vende notizie ai tabloid. Il rappresentante di questa società ha detto che sono state fatte due interviste via Skype con Ricardo e sua moglie, ma non ha voluto specificare la cifra con cui è stata pagata la storia.

Sul New York Post si spiega che l’obiettivo della coppia era quello di farsi pubblicità. Nella video intervista veniva sponsorizzato un programma di corsi online con un prezzo singolo di 200 dollari. Con una sessione di otto giorni a San Francisco, la coppia prometteva di insegnare il respirianesimo per 1.700 dollari.

Inoltre, Akahi Ricardo e Camila Castello hanno poi ritrattato in parte la loro versione, dicendo che ogni tanto mangiano frutta e verdura, così come i loro due figli di cinque e due anni.

L’elemento più pericoloso della storia riguarda la presunta gravidanza condotta da Camila senza mangiare nulla. Il messaggio trasmesso, senza un’adeguata smentita da parte dei quotidiani che hanno dato la notizia, è estremamente sbagliato e potenzialmente dannoso.

Proteine, carboidrati e vitamine sono fondamentali per il sostentamento del corpo umano, soprattutto per una donna in stato di gravidanza.

Notizie di questo tipo rischiano solo di peggiorare le abitudini alimentari di persone che hanno già disturbi. E offendono chi davvero non può mangiare normalmente per patologie di varia natura.