Me

Chi è Giorgio Caproni, il poeta della maturità 2017

Immagine di copertina

Per la prima prova della maturità 2017 è stata proposta come analisi del testo una poesia di Giorgio Caproni, un autore forse non molto popolare nei programmi scolastici ma ritenuto uno dei più grandi poeti italiani del Novecento.

Caproni è stato un poeta, critico letterario e traduttore italiano, ed è scomparso nel 1990. Di origini livornesi, ha vissuto a Genova e dopo il servizio militare si è unito alla Resistenza. Per anni Caproni ha lavorato come maestro elementare.

I temi portanti della sua poetica sono: la madre, rievocata e ricordata in molte poesie; Genova, considerata la sua “città dell’anima”; il viaggio, un viaggio allegorico alla scoperta della vita.

Il poeta Carlo Bo, uno dei suoi primi critici, lo definì il “poeta del sole, della luce e del mare”.

Le prime raccolte di versi di Giorgio Caproni risalgono al decennio 1932-1942. Ricordiamo Come una allegoria, Ballo a Fontanigorda, Finzioni, Cronistoria.

Il momento centrale della sua poesia è il canzoniere Il seme del piangere, dedicato alla madre Anna Picchi. Il testo comprende poesie scritte da Giorgio Caproni tra il 1950 e il 1958.

Per l’analisi del testo nella prima prova della maturità 2017 è stata scelta la poesia Versicoli quasi ecologici, contenuta nella raccolta Res Amissa, pubblicata postuma nel 1991. Qui il testo della poesia.

— LEGGI ANCHE: Le tracce della prima prova dell’esame di maturità 2017

— LEGGI ANCHE: La poesia ecologica proposta agli studenti italiani per la maturità

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus