Me
Anonymous ha hackerato il sito del Ministero degli Esteri
Condividi su:
Gli hacker di Anonymus sulla Farnesina
hackerato il sito del Ministero degli Esteri

Anonymous ha hackerato il sito del Ministero degli Esteri

20 Apr. 2018
Gli hacker di Anonymus sulla Farnesina
hackerato il sito del Ministero degli Esteri

Sul blog cyberguarrilla.org è comparso l’avviso di alcuni hacker di Anonymous Italia che rendono noto di aver preso di mira la Farnesina.

Nello specifico gli hacker avvertono di aver messo online diversi documenti tra cui email, rimborsi spese e dati sensibili ottenuti grazie a infiltrazioni nel sistema informatico del Ministero degli Esteri.

Ecco il testo con il quale affermano di aver hackerato il sito:

“Al Ministro Angelino Alfano,
Al Pubblico Ministero Eugenio Albamonte,

Giova ribadire il concetto. A malapena potete gestire le porcate che riuscite a concepire
nel vostro dominio: quello del ladrocinio legalizzato. Se il P.M. Albamonte facesse meglio il
suo mestiere, considerato che lo paghiamo noi, assai più numeroso sarebbe il numero di esseri
abietti assicurati alla Giustizia. Ma nulla può costui contro l’odiato potere, contro i suoi
amati padroni, vile servo come tanti della stessa risma.

Continuate pure a dilettarvi nelle vostre riunioni al vertice, nelle vostre commissioni…
G7, G8, Intelligence, sorveglianza, terrorismo. Notevoli come voci di spesa da scrivere nel
bilancio statale. A pagare, lo sapevamo già, siamo noi Italiani.

Nel frattempo vogliate gradire la pubblicazione senza censura di parte dei dati sottratti
dai vostri preziosi sistemi informatici.

Purtroppo per voi, nonostante venga ribadito fino alla nausea, c’è un concetto assai semplice
che non riuscite ad assimilare: non dimentichiamo, non perdoniamo. Non ci fermeremo. MAI.
La ricerca della verità non ammette limiti. Per questo saremmo noi i criminali? Siamo noi che stiamo riducendo questo Popolo in cenere?
O siete voi?

Gli Italiani conoscono la risposta”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus