Me
Skype ha smesso di funzionare per diverse ore
Condividi su:

Skype ha smesso di funzionare per diverse ore

La maggior parte dei problemi del programma di messaggistica istantanea si sono verificati in Europa

20 Apr. 2018

Skype, il programma di messaggistica istantanea e di comunicazione vocale online, ha subito diversi problemi di funzionamento tra il 19 e il 20 giugno soprattutto in Europa. I primi disagi si sono verificati a partire dalle 23 del 19 giugno, quando sono iniziate le prime segnalazioni di malfunzionamenti dell’applicazione sia nella sua versione desktop che nelle diverse versioni mobile.

Intorno a quell’ora, Skype ha confermato attraverso il suo account Twitter Skype Support l’esistenza di un problema che non permetteva agli utenti di utilizzare la loro applicazione, per poi annunciare quattro ore dopo di averlo risolto, senza dare altre spiegazioni.

Tuttavia, solo poche ore dopo, tra le 8 e le 11 ora italiana, lo stesso problema si è nuovamente presentato, colpendo soprattutto gli utenti europei.

Nello specifico, per gli utenti risultava impossibile effettuare videochiamate, mentre la chat dell’applicazione era del tutto inaccessibile: le principali funzioni offerte da Skype risultavano dunque inutilizzabili.

Non è chiaro quale sia stata la ragione dei problemi che hanno colpito il servizio di comunicazione. Una possibilità sembra essere legata all’introduzione, avvenuta nei giorni scorsi, della nuova versione del servizio, che ha introdotto una serie di novità, tra cui la possibilità di rispondere con reazioni – simili a quelle di Facebook – ai messaggi. Altri media hanno invece parlato di attacco hacker, ma nessuna versione ha al momento trovato conferma.

Skype, azienda nata nel 2003, dal 2011 è di proprietà del colosso informatico statunitense Microsoft.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus