Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Sono 126 i migranti morti nell’ultimo naufragio al largo della Libia

Il gommone era partito lo scorso giovedì con 130 persone a bordo. Dopo qualche ora di navigazione i trafficanti libici hanno rubato il motore e il natante ha imbarcato acqua

Immagine di copertina
Credit: Ruters

Secondo l’Oim (Organizzazione internazionale per le migrazioni) sarebbero 126 le vittime del naufragio di un gommone avvenuto tra giovedì 15 e venerdì 16 giugno al largo della Libia.

Il  portavoce dell’Oim, Flavio Di Giacomo, ha spiegato che sul gommone c’erano 130 persone, di cui solo 4 sono riuscite a salvarsi.

L’imbarcazione utilizzata dai migranti era partita giovedì scorso dalla Libia. Dopo qualche ora di navigazione è stato però raggiunto da trafficanti libici che hanno rubato il motore. Il natante ha così cominciato ad imbarcare acqua ed è affondato.

Dei 130 passeggeri solo in quattro erano vivi quando un barcone di pescatori libici è arrivato in zona e li ha salvati.