Me
La bellezza della vitiligine
Condividi su:

La bellezza della vitiligine

Il fotografo australiano Brock Elbank ha immortalato nella sua serie Vitiligo le trame inusuali della pelle delle persone che hanno questa malattia cutanea

20 Apr. 2018
Dopo aver dedicato un progetto fotografico alla bellezza delle lentiggini, il fotografo australiano Brock Elbank ha deciso di lanciare una nuova serie di fotografie dedicate ai corpi delle persone con la vitiligine. Si tratta di una malattia cronica caratterizzata da alcune chiazze di pelle non pigmentate, cioè zone dove manca del tutto la fisiologica colorazione dovuta alla melanina.

Con i suoi ritratti Elbank sottolinea la bellezza delle trame inusuali della pelle, che contraddistinguono e rendono unico il volto e il corpo di una persona.

“Crescere con la vitiligine non è facile”, racconta Bashir Aziz, un commesso britannico trasformato in modello da Elbank. L’uomo racconta di essere costantemente oggetto di occhiate curiose da parte delle altre persone. Gli scatti del fotografo australiano lo hanno aiutato ad acquisire fiducia in se stesso.

“Alcune persone sono diverse in modo più evidente, hanno capelli diversi, segni sul corpo, lentiggini, ma ciascuno è unico. Non deve essere per forza qualcosa di visibile come la vitiligine, importa solo accettare qualsiasi cosa uno sia. La bellezza è avere un misto di qualità che ti rendono unico, dentro e fuori”.

Qui sotto alcune foto tratte dalla serie Vitiligo e pubblicate dal fotografo Brock Elbank su Instagram:

The #Vitiligo series is receiving some strong applications. But as with all my series we like people to tag potential subjects or email vitiligo@Mrelbank.com for more information. I’m discovering some amazing characters on Instagram so we’ll be confirming some of these in the next week or so. One final outtake from our first subject the superb @nilegoodlad @amckmodels #Mrelbank #Beauty #Portrait #London #vitiligonation

Un post condiviso da Brock Elbank (@mrelbank) in data:

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus