Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Cosa c’è da sapere sullo sciopero dei trasporti di venerdì 16 giugno

La contestazione coinvolgerà i trasporti pubblici e privati, come bus, metro, treni e aerei. Durerà 24 ore, con alcune fasce orarie protette

Immagine di copertina

I sindacati Cub, Sgb, Cobas e Usb hanno indetto uno sciopero generale del trasporto pubblico e privato per venerdì 16 giugno. La contestazione – decisa per protestare contro le privatizzazioni – durerà 24 ore e coinvolgerà bus, metropolitane, treni e aerei.

Le modalità dello sciopero varieranno a seconda delle città e dei mezzi.

Per quanto riguarda il trasporto locale, a Milano lo sciopero andrà dalle 8:45 alle 15 e dalle 18 fino a fine servizio. Prima di questi intervalli orari, gli autobus e la metro circoleranno regolarmente. A Roma, i sindacati di base hanno indetto uno sciopero che durerà per l’intera giornata, mentre quello del sindacato Sul durerà solo tra le 11 e le 15. Le fasce orarie protette, con regolare servizio, saranno fino alle 8:30 e dalle 17 alle 20.

Il personale di Ferrovie dello Stato, Trenord e Ntv ha indetto lo sciopero a partire dalle 21 di giovedì 15 fino alle 21 di venerdì 16. Saranno garantite le tratte nelle fasce orarie protette, tra le 6 e le 9 e tra le 18 e le 21. Le Frecce non subiranno cancellazioni.

Gli aerei si fermeranno dalle 00:01 alle 23:59 di venerdì. L’Ente nazionale dell’avazione civile (Enac) ha pubblicato una nota con i voli garantiti per la giornata. Decolleranno regolarmente – salvo imprevisti – gli aerei dalle 7 alle 10 e dalle 18 alle 21.