Me
Il caso della paziente ricoperta di formiche in un ospedale di Napoli
Condividi su:

Il caso della paziente ricoperta di formiche in un ospedale di Napoli

Una foto pubblicata su Facebook mostra una donna su un lettino, con il braccio avvolto da numerosi insetti. Il direttore della struttura ha confermato l'accaduto

23 Apr. 2018

Un’anziana paziente in shock settico giace avvolta dalle formiche in un letto dell’ospedale San Paolo di Napoli, nel quartiere Fuorigrotta. Gli insetti sono ovunque: sulle lenzuola, sul corpo, sul cuscino della degente.

È con questa foto che il 12 giugno 2017, Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi della Campania, denuncia in un post su Facebook lo “stato di degrado e mala sanità che si registra in Italia”.

“Sono anni che denunciamo la presenza di insetti, compresi gli scarafaggi, all’interno dell’ospedale e le rassicurazioni che ci hanno fornito fino a oggi si sono rivelate inattendibili. Per questo chiediamo la rimozione immediata di tutti i responsabili e i membri del reparto che hanno permesso una simile vicenda”, lamenta il consigliere nel post.

L’immagine è stata ripresa dalle principali testate giornalistiche italiane e anche se il numero degli insetti presenti sul letto della paziente è tale da far sembrare la foto inverosimile, la veridicità dell’immagine è stata confermata da Vito Rago, direttore sanitario dell’ospedale.

“Sono mortificato. Il fatto è vero. Le formiche sono sul letto, non sul corpo della paziente, ma di sicuro questo è un fatto che non doveva assolutamente accadere. Abbiamo preso immediati provvedimenti”, spiega il direttore.

“Ricopro questo incarico da appena 20 giorni ma non voglio giustificarmi certo per questo. Ho chiamato il servizio bonifica che interverrà domani mattina nell’intero reparto. Ho provveduto inoltre ad appaltare ad una ditta specializzata l’incarico per una bonifica definitiva”.

Il caso è giunto fino alla ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, che il 13 giugno ha inviato una task force ministeriale e i carabinieri del Nas per accertare quanto accaduto.

“Dalle prime indagini è emerso che c’erano dei lavori all’interno del reparto e poi hanno trovato le lenzuola infestate in un magazzino. Ovviamente è stato bloccato l’accesso al reparto per altri pazienti”, ha spiegato la ministra al Mattino.

Ma l’episodio denunciato dal consigliere dei Verdi non è il primo. Si ricorda il caso dei pazienti soccorsi sul pavimento in un ospedale di Nola a gennaio 2017, la morte di un uomo fra i corridoi del San Camillo di Roma a ottobre 2016, e i topi che infestavano le Molinette di Torino nel 2015.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus