Me
Le foto di Marilyn Monroe prima che diventasse famosa
Condividi su:

Le foto di Marilyn Monroe prima che diventasse famosa

Norma Jeane Mortenson, meglio nota come Marilyn Monroe, ebbe una vita molto dura. Ecco alcune foto che la ritraggono prima di diventare una star di Hollywood

12 Giu. 2017

Prima di diventare celebre con il nome di Marilyn Monroe, Norma Jeane Mortenson ebbe una vita molto dura. Sua madre Gladys aveva problemi psicologici e non era in grado di prendersi cura di lei, mentre il padre della celebre attrice non è mai stato identificato con sicurezza.

Per questo Norma Jeane trascorse gran parte della sua infanzia tra una casa famiglia e l’altra, fu vittima di abusi sessuali e iniziò a balbettare. Ad appena 16 anni si sposò, ma questo non riuscì a renderla felice.

Tutto cambiò tra il 1944 e il 1945, quando Norma stava lavorando in una fabbrica militare dove le fu presentato un fotografo dell’aeronautica statunitense. Questa relazione spinse la ragazza a intraprendere una carriera come modella, fino a lavorare come attrice per Twentieth Century Fox e Columbia Pictures.

Con un cambio di look – caschetto biondo platino e rossetto rosso – si trasformò in Marilyn Monroe, la star di Hollywood che conosciamo. La sua vita problematica tuttavia non la abbandonò anche dopo il successo, e Marilyn si tolse la vita nel 1962.

Qui sotto alcune foto che mostrano com’era Norma Jeane Mortenson prima di diventare Marilyn Monroe.

(Marilyn Monroe nel 1945 quando lavorava nella fabbrica militare. Credit: David Conover, fotografo dell’esercito statunitense)

(1945. Credit: David Conover)

(1945. Credit: David Conover)

(Credit: David Conover)

(Credit: David Conover)

(Credit: Teichnor Bros.)

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus