Me
Theresa May proverà a formare un nuovo governo
Condividi su:

Theresa May proverà a formare un nuovo governo

La premier britannica non ha intenzione di dimettersi. Andrà a Buckingham Palace per chiedere alla regina l'autorizzazione a dar vita a un nuovo esecutivo

23 Apr. 2018

Le premier britannica Theresa May ritiene di poter formare un nuovo governo e si recherà a Buckingham Palace alle 11.30 ora locale per chiedere l’autorizzazione a dar vita a un nuovo esecutivo.

Secondo i media britannici i conservatori sono in trattativa con il partito unionista dell’Irlanda del Nord (Northern Ireland’s Democratic Unionist Party), con il quale potrebbero raggiungere la maggioranza di 326 seggi in parlamento.

L’8 giugno 2017 quasi 47 milioni cittadini britannici sono stati chiamati alle urne per eleggere i rappresentanti alla Camera dei Comuni. Le elezioni anticipate sono state annunciate dalla premier Theresa May il 18 aprile.

I conservatori di May non hanno raggiunto la maggioranza dei seggi in parlamento: può dirsi mancato l’obiettivo della premier di avere un sostegno “forte e stabile” in vista dei negoziati sulla Brexit, ragione per la quale aveva indetto le elezioni anticipate. Questo complica anche i negoziati per l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea.

Il leader dei laburisti Jeremy Corbyn ha chiesto le dimissioni della prima ministra, la quale però non avrebbe alcuna intenzione di dimettersi e proverà a dar vita a una coalizione di governo.

Corbyn ha parlato della possibilità di formare un governo di minoranza e ha detto che gli sembra chiaro chi abbia perso le elezioni dell’8 giugno.

— LEGGI ANCHE: Perché Theresa May ha indetto elezioni anticipate

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus