Me
I ghiaccioli fatti con le acque inquinate di Taiwan
Condividi su:

I ghiaccioli fatti con le acque inquinate di Taiwan

Tre studenti della National Taiwan University of Arts hanno creato questi particolari gelati per sensibilizzare sul tema dell'inquinamento del nostro pianeta

09 Giu. 2017

Il problema dell’inquinamento globale è ogni giorno più preoccupante. Tre studenti di design di Taiwan hanno voluto contribuire alla consapevolezza sul tema realizzando degli oggetti che rappresentano perfettamente lo stato allarmante della situazione.

Si tratta di classici ghiaccioli, come quelli che ogni giorno vengono venduti sulle spiagge di tutto il mondo. In questo caso sono fatti con le acque di cento diverse sorgenti dell’isola asiatica per mostrare quanto queste siano inquinate.

I ghiaccioli sono stati poi replicati in resina di poliestere trasparente dai tre studenti della National Taiwan University of Arts, e sullo stecchetto di ognuno è possibile leggere la provenienza dell’acqua usata per realizzarlo.

Sono cento i ghiaccioli realizzati per il progetto, intitolato semplicemente Polluted Water Popsicles. Al loro interno è possibile notare ogni genere di materiale, dai rifiuti più visibili a quelli più subdoli, come le tracce di piombo o mercurio.


Eccone alcuni esempi:

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus