Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

La nuova stazione di Napoli progettata da Zaha Hadid

La struttura, costata 61,1 milioni di euro, verrà inaugurata il 6 giugno alla presenza del premier Gentiloni e del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Delrio

Immagine di copertina

Sorgerà martedì 6 giugno ad Afragola, in provincia di Napoli, la nuova stazione ferroviaria realizzata da Zaha Hadid Architects, lo studio fondato da Zaha Hadid, l’archistar anglo-irachena scomparsa nel 2016. La stazione è stata concepita come un ponte dalla forma sinusoidale con un’altezza massima pari a nove metri al di sopra dei binari, uno sviluppo totale di 400 metri in lunghezza e con una superficie di oltre 30mila metri quadrati. 

La struttura, costata 61,1 milioni di euro, si contraddistingue per la copertura in vetro di oltre 5mila metri quadrati e per il pannelli intelligenti in grado di recuperare energia solare, diffondendola poi in tutta la stazione. Il corpo principale dell’edificio è caratterizzato da ulteriori 6mila metri quadrati di vetrate, dipendenti dalla struttura portante in calcestruzzo e acciaio.

Entro il 2022, la stazione – che verrà inaugurata alla presenza del premier Paolo Gentiloni e del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio – dovrebbe conseguire la massima operatività divenendo il polo di interscambio modale con le linee dell’alta velocità Roma – Napoli – Salerno e con l’asse ferroviario Alta Capacità Napoli – Benevento – Bari.

(Credit: Zaha Hadid Architects. L’articolo continua dopo l’immagine)

(Credit: Zaha Hadid Architects. L’articolo continua dopo l’immagine)

(Credit: Zaha Hadid Architects. L’articolo continua dopo l’immagine)

Di seguito un video con la presentazione del progetto: