Me
La nuova stazione di Napoli progettata da Zaha Hadid
Condividi su:

La nuova stazione di Napoli progettata da Zaha Hadid

La struttura, costata 61,1 milioni di euro, verrà inaugurata il 6 giugno alla presenza del premier Gentiloni e del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Delrio

05 Giu. 2017

Sorgerà martedì 6 giugno ad Afragola, in provincia di Napoli, la nuova stazione ferroviaria realizzata da Zaha Hadid Architects, lo studio fondato da Zaha Hadid, l’archistar anglo-irachena scomparsa nel 2016. La stazione è stata concepita come un ponte dalla forma sinusoidale con un’altezza massima pari a nove metri al di sopra dei binari, uno sviluppo totale di 400 metri in lunghezza e con una superficie di oltre 30mila metri quadrati. 

La struttura, costata 61,1 milioni di euro, si contraddistingue per la copertura in vetro di oltre 5mila metri quadrati e per il pannelli intelligenti in grado di recuperare energia solare, diffondendola poi in tutta la stazione. Il corpo principale dell’edificio è caratterizzato da ulteriori 6mila metri quadrati di vetrate, dipendenti dalla struttura portante in calcestruzzo e acciaio.

Entro il 2022, la stazione – che verrà inaugurata alla presenza del premier Paolo Gentiloni e del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio – dovrebbe conseguire la massima operatività divenendo il polo di interscambio modale con le linee dell’alta velocità Roma – Napoli – Salerno e con l’asse ferroviario Alta Capacità Napoli – Benevento – Bari.

(Credit: Zaha Hadid Architects. L’articolo continua dopo l’immagine)

(Credit: Zaha Hadid Architects. L’articolo continua dopo l’immagine)

(Credit: Zaha Hadid Architects. L’articolo continua dopo l’immagine)

Di seguito un video con la presentazione del progetto:

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus