Me
Gli insulti di Liam Gallagher a suo fratello Noel per non aver suonato a Manchester
Condividi su:

Gli insulti di Liam Gallagher a suo fratello Noel per non aver suonato a Manchester

Da anni l'ex cantante degli Oasis non è in buoni rapporti con l'ex compagno di band. Per la sua assenza al concerto non gli ha risparmiato epiteti negativi

26 Apr. 2018

Si è svolto il 4 giugno allo stadio Old Trafford di Manchester, Regno Unito, un grande concerto in ricordo delle vittime dell’attentato che due settimane fa ha provocato 22 vittime e oltre 100 feriti al termine dell’esibizione della cantante statunitense Ariana Grande in città.

La musicista è stata la star principale del concerto di beneficenza, intitolato One Love Manchester, il cui ricavato sarà devoluto al We Love Manchester Emergency Fund, che andrà alle famiglie delle vittime.

Al concerto hanno partecipato numerose altre star mondiali, tra cui un eroe della scena di Manchester: Liam Gallagher, l’ex cantante degli Oasis che insieme a suo fratello Noel guidò una delle band britanniche di maggior successo degli anni Novanta e Duemila, prima che tra i due i rapporti si rompessero in modo apparentemente irrimediabile.

Noel Gallagher non era presente al concerto, nonostante le voci di un possibile ricongiungimento per l’occasione, e Liam ha suonato il classico Live Forever accompagnato dai Coldplay.

Il giorno dopo Liam, noto per non essersi mai frenato nei suoi giudizi abrasivi, ha usato Twitter per lamentarsi dell’assenza di suo fratello in un momento così importante per la città, e l’ha insultato invitandolo a suonare per la sua gente.

Questi i tweet finora pubblicati da Liam Gallagher:

(“Oh, e se qualcuno ha visto il fratellone gli dica che adesso può uscire, come avete fatto voi”)

(“Manchester, vorrei scusarmi per l’assenza di mio fratello ieri sera, sono molto deluso”)

(“Noel è fuori dal cazzo di paese. Non eravamo tutti un amore? Sali su un cazzo di aereo e suona le tue canzoni per i ragazzi, stronzo”)

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus