Me
Banksy regalerà l’edizione limitata di una sua opera a chi non vota i Tories
Condividi su:

Banksy regalerà l’edizione limitata di una sua opera a chi non vota i Tories

L'artista britannico ha invitato i cittadini di Bristol a non votare per il partito conservatore dei Tories alle prossime elezioni previste per l’8 giugno 2017

26 Apr. 2018

L’artista britannico Banksy, noto per le sue provocazioni, ha invitato ufficialmente i cittadini di Bristol a non votare per il partito conservatore dei Tories alle prossime elezioni previste per l’8 giugno 2017, e ha promesso – in cambio – che regalerà loro un’edizione limitata di una delle sue opere.

L’annuncio è stato diffuso tramite il suo sito ufficiale. Lo street artist ha infatti chiesto agli appartenenti a sei gruppi elettorali del sud-ovest dell’Inghilterra di inviargli una foto della scheda elettorale che dimostri il loro voto contro il partito conservatore.

“Basta inviare una foto della tua scheda elettorale del giorno delle elezioni, mostrando che hai votato contro il candidato conservatore e ti sarà inviato questo regalo”, si legge sul sito ufficiale.

L’esclusiva stampa gratuita, che verrà pubblicata il 9 giugno, è un rielaborazione della sua famosa opera ‘Girl with Balloon’.

Tramite una nota legale, l’artista ha però specificato che l’annuncio pubblicato non intende in alcun modo influenzare l’elettorato e che la stampa non ha valore economico e ne è vietata la rivendita. L’intento è solo quello di divertire i propri ammiratori.

Tuttavia, l’annuncio ha aperto un dibattito sul fatto che la sua proposta sia in realtà legale. Come afferma la Representation of the People Act, un atto del 1918 del parlamento britannico sul sistema elettorale, è un reato penale “indurre un elettore a mostrare la sua scheda elettorale dopo aver segnato il nome del candidato per il quale si è scelto di votare”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus