Me
Un’università in Belgio ha suggerito un dress code sessista per una cerimonia di laurea
Condividi su:

Un’università in Belgio ha suggerito un dress code sessista per una cerimonia di laurea

La Libera Università di Bruxelles ha chiesto alle studentesse di presentarsi in gonna e con la scollatura, perché preferibili da un punto di vista estetico

27 Apr. 2018

La Libera Università di Bruxelles (ULB Confessions), in Belgio, ha presentato le scuse ufficiali dopo l’invio di una mail, da parte della facoltà di medicina, in cui si indicava un dress code per loro cerimonia di laurea che è stato subito accusato di sessismo.

La mail consigliava alle giovani studentesse di presentarsi in gonna o vestito e con una scollatura, “preferibile da un punto di vista estetico”. La notizia si è diffusa dopo che la pagina Facebook della ULB Confessions ha postato una nota con scritto: “Un piccolo scandalo”.

Il post ha raggiunto più di 600 commenti, tra accuse di sessismo nei confronti dell’università, rabbia e incredulità.

“È uno scherzo? Si stanno per laureare in medicina e gli chiedono di mostrare il seno?”, si legge nei commenti. E ancora: “Posso capire il vestito, ma la ‘graziosa scollatura’??? avete un dottorato, ma a chi importa, mostrate le tette!”.

Una volta che la storia è apparsa sul quotidiano Le Parisien, l’università ha postato le proprie “sincere scuse” su Facebook e Twitter. “È evidente che le istruzioni sul dress code delle giovani laureande è contrario ai valori dell’ULB e di questa facoltà”, ha dichiarato l’università.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus