Me
Un uomo ha chiesto il divorzio dalla moglie che lo aveva stuprato a 12 anni
Condividi su:

Un uomo ha chiesto il divorzio dalla moglie che lo aveva stuprato a 12 anni

Nel 1996 Vili Fualaau fu violentato dalla sua insegnante di 35 anni. Nel 2005, quando la donna fu scarcerata, i due si sposarono in segreto, dopo aver avuto due figli

27 Apr. 2018

Qualche giorno fa negli Stati Uniti ha avuto eco la notizia di un uomo che chiedeva il divorzio dalla moglie, nello stato di Washington, a Seattle. Non ci sarebbe nulla di strano se l’uomo non fosse stato sessualmente violentato quando aveva solo 12 anni dalla moglie dalla quale ora vuole divorziare.

La storia dei due fece grandissimo scalpore e divenne uno scandalo internazionale. Tuttora è molto conosciuta negli Stati Uniti, tanto da aver ispirato libri e film.

Per conoscerla fino in fondo bisogna tornare al 1996 quando Vili Fualaau, un giovane studente dodicenne, fu violentato sessualmente dalla sua insegnante di 34 anni. L’anno successivo la donna venne arrestata, quand’era incinta del ragazzo. Fu lei stessa a confessare la violenza sessuale sul proprio studente. All’inizio venne condannata a sei mesi di prigione, pena che fu abbassata a tre mesi a condizione di non avere più contatti con il suo ex alunno.

Poco tempo dopo i due furono sorpresi nuovamente a fare sesso e la donna fu imprigionata per altri sette anni. Diede alla luce la loro seconda figlia in prigione.

Ora Vili Fualaau ha 33 anni ed è sposato da 12 anni con quella stessa donna, Mary Kay Letourneau, che ora ha 55 anni.

L’uomo ha chiesto la separazione all’inizio di maggio senza indicare la ragione della sua decisione. La moglie non ha rilasciato commenti sulla questione.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus