Me

Cosa significa “covfefe”, la parola inventata da Trump su Twitter?

Poco dopo la mezzanotte del 31 maggio il presidente ha pubblicato un tweet con un evidente refuso. In molti si interrogano con ironia su cosa volesse dire

Immagine di copertina

Era da poco passata la mezzanotte del 31 maggio quando Donald Trump ha deciso di scrivere un tweet. Una cosa comune per il presidente degli Stati Uniti, che spesso, in orari insoliti, affida i suoi pensieri al social network.

Questa volta la frase scritta dall’inquilino della Casa Bianca ha suscitato l’ilarità della rete a causa di una parola priva di significato: “Despite the negative press covfefe”. Gli utenti di internet si sono quindi divertiti a prendere in giro il presidente avanzando ipotesi e possibili interpretazioni.

Più di 94mila persone hanno ritwittato il pensiero del presidente e anche il numero di interazioni e risposte è stato altissimo. C’è chi come Emily Nussbaum, critica tv per il New Yorker,  ha ironizzato sulla possibilità che questo potesse essere l’ultimo tweet di Trump, quello definitivo, in grado di porre fine alla storia.

L’account Merriam-Webster dictionary, che controlla tutto ciò che viene postato dal presidente, ha deciso ironicamente di astenersi dai commenti e di ignorare l’ultima gaffe di Trump, con un po’ di pentimento per aver controllato cosa stava succedendo su Twitter nella notte.

La comica statunitense Kristina Wong è andata alla ricerca del dominio online covfefe.com e ha scoperto che in pochi minuti era già stato acquistato da qualcuno. Scherzando ha ipotizzato che gli acquirenti potessero essere di origine russa.

Zach Braff si è spinto a immaginare la possibile difesa istituzionale da parte di Sean Spicer: “Non solo covfefe è una parola. È la parola più bella che sia stata mai pronunciata” è la frase pensata per una potenziale giustificazione del refuso di Trump.

Sul momento esatto in cui l’incidente può essere capitato Jamelle Bouie scrive: “Mi piace pensare che covfefe sia l’esatto momento in cui qualcuno blocca Trump e gli strappa il cellulare dalle mani”.

Complici gli sfottò e le ricostruzioni fantasiose, la parola è diventata subito prima tra i trend di Twitter e non è ancora stata cancellata dal profilo ufficiale di @realDonaldTrump. Nel frattempo la parola covfefe è entrata nello Urban dictionary con una definizione divertente: “Quando vuoi dire coverage, ma le tue mani sono troppo piccole per usare la tastiera”.

 

Nella mattinata del 31 maggio è stato lo stesso Trump a scherzare sul suo errore e su Twitter scrive: “Chi riesce a indovinare il vero significato di covfefe? Divertitevi!”