Me

Quattro persone sono morte nella ressa in uno stadio in Honduras

Secondo la polizia erano stati venduti più biglietti della capienza del National Stadium, portando così a una fuga disordinata dei tifosi

Immagine di copertina

Almeno quattro persone sono morte e molte altre sono rimaste ferite a causa della ressa che si è creata all’interno di uno stadio in Honduras. L’episodio è avvenuto nella capitale Tegucigalpa, dove si è svolta la finale del torneo di Clausura tra Motagua e Honduras Progreso. Secondo quanto riporta l’agenzia di stampa Associated Press, citando una dichiarazione della polizia locale, erano stati venduti troppi biglietti in occasione della finale tra le due squadre.

La polizia ha utilizzato gas lacrimogeni per disperdere la folla che tentava di entrare nell’impianto del National Stadium all’ingresso 11. Da quel momento si è generata la ressa, con un fuggi fuggi generale.

Secondo un portavoce dell’ospedale, le vittime sarebbero morte per soffocamento e per le ferite riportate dopo essere state calpestate. Una donna incinta ha anche perso il suo bambino a causa delle ferite.

Il Motagua ha negato di aver venduto biglietti oltre il limito massimo consentito dalla capienza dello stadio, precisando di aver avvertito “le autorità responsabili immediatamente della possibilità che circolassero biglietti falsi” per la partita.

Secondo il club, i biglietti falsi “hanno permesso a molte persone di entrare allo stadio illegalmente per assistere alla finale tra Motagua ed El Progreso, persone che, a quanto pare, occupavano posti che non erano loro, costringendo altri a lasciare l’area”.

La partita si è comunque svolta e il Motagua ha vinto il match che si è tenuto nello stadio dalla capienza di 35mila posti di Tegucigalpa, vincendo 3-0 la partita e con un risultato totale dei due scontri diretti di 7-1.

In una nota, la squadra del Motagua ha espresso “le sue più profonde condoglianze alle famiglie e agli amici delle quattro persone che hanno tristemente perso la vita nell’incidente occorso all’inizio della finale” e ha augurato “una rapida guarigione ai feriti”.

Nella nota, la società ha aggiunto: “È importante tenere presente che tutti i biglietti in vendita sono controllati, e in questo caso approvati, dalla commissione nazionale per le strutture sportive (Conapid), che è un’agenzia del governo dell’Honduras”.

“Il club sta collaborando alle indagini su quanto avvenuto allo stadio, che – stando a quanto previsto dalla legge –  era sotto il controllo della polizia, come sempre, nelle 48 ore precedenti a ogni evento sportivo”.