Me

Cinque dati per dimostrare una volta per tutte che i musulmani non sono terroristi

Il giornalista, statunitense musulmano, Omar Alnatour ha stilato 5 fatti per dimostrare che non è possibile associare il terrorismo all'Islam

Immagine di copertina

Ogni volta che si verifica un attacco terroristico, cresce l’estremo e ingiustificato odio verso i musulmani.

“Come musulmano, sono stanco di condannare gli attacchi terroristici condotti da persone violente della mia stessa religione. Sono stanco di condannare questi attacchi a persone che rimangono apatiche quando i musulmani vengono uccisi da quegli stessi terroristi radicalizzati”, scrive il giornalista, statunitense musulmano, Omar Alnatour su The World Post.

“Sono stanco di sentire che la parola ‘terrorista’ non viene usata quando il sospettato di un attacco terroristico è un non musulmano. Sono stanco della scusa del ‘disturbo mentale’ riciclata quando il sospetto in un attacco terroristico è un caucasico. Sono stanco di vedere che centinaia di attacchi terroristici condotti da non-musulmani non ottengono la stessa copertura di un solo attacco terroristico in cui il sospettato è musulmano. Soprattutto sono stanco di dover dire ripetutamente che i musulmani non sono terroristi”.

Ecco cinque fatti che Alnatour usa per dimostrare una volta per tutte che i musulmani non sono terroristi:

1. I non musulmani costituiscono la maggioranza dei terroristi negli Stati Uniti: Secondo l’Fbi, il 94 per cento degli attacchi terroristici condotti negli Stati Uniti dal 1980 al 2005 sono stati effettuati da non musulmani. Ciò significa che è nove volte più probabile che un sospetto terrorista americano sia un non musulmano che un musulmano. Nello stesso rapporto dell’Fbi, negli Stati Uniti vi sono stati più attacchi da parte di ebrei che di musulmani, ma quando è stata l’ultima volta che abbiamo sentito parlare della minaccia del terrorismo ebraico sui media? Per le stesse ragioni esatte per cui non possiamo incolpare l’intera religione o il cristianesimo per le azioni violente di coloro che compiono reati sotto i nomi di queste religioni, non abbiamo alcun giustificabile motivo per dare la colpa ai musulmani per il terrorismo.

2. I non musulmani costituiscono la maggioranza dei terroristi in Europa: negli ultimi cinque anni sono stati registrati oltre mille attacchi terroristici in Europa. Avete un’idea di quale percentuale di questi terroristi fosse musulmano? Meno del 2 per cento.

3. Anche se tutti gli attacchi terroristici fossero stati condotti dai musulmani, non è ancora possibile associare il terrorismo all’Islam: dal 1970 sono stati commessi 140mila attacchi terroristici. Anche se i musulmani avessero condotto tutti questi attacchi, i terroristi rappresenterebbero comunque meno dello 0,00009 per cento di tutti i musulmani. Ciò significa che è più probabile che tu venga colpito da un fulmine nella tua vita, piuttosto che un musulmano possa commettere un attacco terroristico nello stesso periodo.

4. Se tutti i musulmani sono terroristi, tutti i musulmani sono dei pacifisti: se tutti i musulmani sono terroristi, perché una piccola percentuale di terroristi è musulmana, tutti i musulmani allora sono dei pacifisti, dal momento che 5 dei 12 Nobel per la pace (42 per cento) erano musulmani.

5. Se avete paura dei musulmani allora dovreste avere paura anche dei mobili delle vostre case o dei bambini piccoli: uno studio condotto dall’Università della North Carolina ha mostrato che meno dello 0,0002 per cento degli americani uccisi dall’11 settembre in poi sono stati uccisi dai musulmani. Sulla base di questi numeri e quelli della Commissione per la sicurezza dei prodotti per i consumatori, l’americano medio è più probabile che venga schiacciato a morte dalla sua televisione, piuttosto che ucciso da un musulmano.

Quando un autista ubriaco provoca un incidente stradale, non possiamo mai biasimare il produttore dell’automobile per le azioni violente di quel conducente. Comprendiamo perfettamente che non possiamo biasimare un’intera compagnia automobilistica che produce milioni di veicoli sicuri solo perché una delle loro auto è stata guidata da una persona sconsiderata che lo ha usato per causare danni. Allora, con quale diritto possiamo incolpare un’intera religione da oltre 1,6 miliardi di persone pacifiche a causa delle azioni di pochi e relativamente insignificanti?

Non posso negare che il terrorismo è una minaccia reale, lo è certamente. Tuttavia, è estremamente sbagliato associare le parole “musulmano” e “terrorista”, conclude Alnatour.