Me
La foto simbolo della reazione di Manchester all’attentato del 22 maggio
Condividi su:

La foto simbolo della reazione di Manchester all’attentato del 22 maggio

Una donna ha pubblicato sul suo account Facebook una foto che ha avuto moltissime condivisioni per la sua capacità di sintetizzare la forza e la solidarietà dei cittadini

25 Mag. 2017

Dopo il tragico attentato di lunedì 22 maggio alla Manchester Arena di Manchester, Regno Unito, la città britannica ha dato già diverse dimostrazioni della sua volontà di rimanere unita e solidale di fronte alla morte di 22 persone e al ferimento di molte altre.

Già in questi giorni sono circolate le storie di Paula Robinson, una cittadina mancuniana di 48 anni che, trovandosi nei pressi dell’arena, ha preso con sé in un hotel vicino circa 50 bambini e ragazzi che fuggivano e li ha sorvegliati in attesa dei genitori, oppure dei due senzatetto Stephen Jones e Chris Parker, che hanno messo al riparo diversi giovani subito dopo l’esplosione.

La sera del 23 maggio una donna, Natalie Thornley, ha pubblicato sul suo account Facebook una foto che ha rapidamente avuto moltissime condivisioni in rete per la sua capacità di sintetizzare la forza e la solidarietà dei cittadini di Manchester dopo la tragedia.

Eccola:

Come ha scritto la donna nella didascalia alla foto: “Probabilmente non riuscirò più a catturare un momento come questo. Ho fatto una foto al momento in cui un poliziotto pesantemente armato ha mandato un bacio a due donne che offrivano abbracci gratis ai passanti. Riesce davvero a mostrare lo spirito che i cittadini di Manchester hanno mantenuto stanotte e l’amore che si è spiegato in tutta la città. Più forti insieme, amore e non odio”.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus