Me
Sono state identificate le prime vittime dell’attacco di Manchester
Condividi su:

Sono state identificate le prime vittime dell’attacco di Manchester

Georgina Bethany Callander, Saffi Rose Roussos e John Atkinson, rispettivamente di 18, 8 e 28 anni sono morte a causa delle gravi ferite riportate dopo l'esplosione

23 Mag. 2017

Si chiama Georgina Bethany Callander la prima vittima dell’attacco terroristico all’arena di Manchester del 22 maggio identificata dalle autorità britanniche. La 18enne è stata travolta dall’esplosione mentre usciva dall’edificio, al termine del concerto di Ariana Grande. 

Poche ore prima, Georgina aveva scritto in un tweet di essere “eccitata e felice” e di non vedere l’ora di andare al concerto e di poter vedere il suo idolo sul palco. Gli amici le hanno voluto rendere omaggio, dopo aver appreso la notizia della sua morte, descrivendola “come una bella ragazza con un cuore e un animo gentili”. 

Secondo i media locali, la ragazza è morta nell’ospedale dove era stata ricoverata in gravissime condizioni. Nel frattempo, gli amici hanno continuato a postare una serie di messaggi affettuosi rivolti alla ragazza scomparsa. Sophie Jauregui, che ha detto di essere la migliore amica di Georgina, ha scritto: “Spero che possa riposare in pace mia cara. Ti amo e mi mancherai sempre”. 

Un altro amico ha pubblicato queste parole: “Riposa in pace Gina, ti amo profondamente, meritavi il mondo e tanto altro. Sono così fortunato di averti conosciuto”. L’adolescente era una grande appassionata di musica e spettacolo, oltre ad avere un amore per i film tratti dai fumetti della Marvel. Georgina era una fan accanita di Ariana Grande. In un post aveva pubblicato una foto che la ritraeva accanto alla sua cantante preferita.

La seconda vittima identificata è Saffie Rose Roussos, una bambina di otto anni. Saffie è morta a causa delle ferite riportate nell’esplosione avvenuta all’arena di Manchester. Subito dopo la notizia, il direttore della scuola che Saffie frequentava ha voluto renderle omaggio: “Saffie era semplicemente una bella bambina. Era amata da tutti”. 

La mamma e la sorella di Saffie-Rose sono state trasportate in ospedali diversi e sono state trattenute sotto osservazione per le ferite riportate. La famiglia Roussos vive vicino a Preston, nel Lancashire, e la bambina frequentava la scuola elementare Tarleton Community Primari School. “Tutti qui erano preoccupati per le sorti di Saffie. Tutti erano in attesa di notizie positive”, ha raccontato una conoscente. 

Saffie Rose Roussos è la vittima più giovane finora identificata. Il 22 maggio era al concerto di Ariana Granda in compagnia della madre Lisa e della sorella maggiore Ashlee. 

(Qui sotto Saffie Rose Roussos)

I media hanno rivelato anche il nome di una terza vittima identificata, Si tratta di John Atkinson, 28 anni.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus