Me
Che ci fa Trudeau in pantaloncini nella foto di classe di alcuni studenti a Vancouver?
Condividi su:

Che ci fa Trudeau in pantaloncini nella foto di classe di alcuni studenti a Vancouver?

Il premier canadese stava facendo jogging quando è apparso nello scatto di una scolaresca vestita per il ballo di fine anno

22 Mag. 2017

Il primo ministro canadese Justin Trudeau è stato inatteso protagonista di una fotografia a Vancouver nella serata di venerdì 19 maggio, apparendo nello scatto per il ballo di fine anno degli studenti di una scuola superiore.

Trudeau era uscito per una corsetta lungo il Stanley Park Seawall quando è passato davanti al gruppo di studenti vestiti in tenuta formale. Il fotografo ufficiale di Trudeau, Adam Scotti, ha pubblicato su Twitter una immagine in cui si vede il primo ministro apparire di corsa dietro agli studenti.

A prima vista quello di Trudeau sembra un vero e proprio caso di photobombing, ma del tutto casuale. Secondo quanto riportato dall’emittente canadese CBC, uno studente ha spiegato che il gruppo ha notato il primo ministro e gli ha poi chiesto di unirsi alle loro foto.

“Stavamo scattando alcune foto e indugiando a parlare tra noi, e a quel punto è spuntato Trudeau correndo”, ha raccontato Constantine Maragos. 

“All’inizio ci chiedevamo perché il primo ministro stesse facendo jogging lungo l’argine, poi abbiamo iniziato a chiedergli di apparire nelle foto”.

Il leader canadese non è nuovo ad apparizioni di questo tipo. Un caso del genere era già successo ad agosto del 2016, quando Trudeau apparve nelle foto scattate insieme a una futura sposa che stava preparando il suo matrimonio a Tofino, nella provincia della British Columbia. Nello stesso mese aveva scattato un selfie con un 13enne incontrato per caso in Quebec durante un’escursione. Ma quello del 19 maggio sembra non essere un semplice selfie, ma un vero e proprio photobombing casuale.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus