Me
L’Unione europea condanna Facebook a una multa da 110 milioni di euro
Condividi su:

L’Unione europea condanna Facebook a una multa da 110 milioni di euro

Il social network di Zuckerberg è accusato di aver fornito informazioni fuorvianti in occasione dell'acquisizione di WhatsApp nel 2014

18 Mag. 2017

L’autorità antitrust europea ha deciso di disporre una multa da 110 milioni di dollari per Facebook. Il social network di Mark Zuckerberg è accusato di aver comunicato informazioni fuorvianti quando ha acquisito l’applicazione di messaggistica WhatsApp per 19 miliardi di dollari nel 2014.

Al momento dell’acquisizione, la società di Palo Alto aveva assicurato alla Commissione europea di non poter collegare gli account Facebook con quelli di WhatsApp. Nel 2016, però, la società aveva realizzato la connessione tra i due diversi account degli utenti. 

“Si tratta di un chiaro segnale alle società che devono rispettare le regole Ue, incluso l’obbligo di fornire informazioni corrette”, ha commentato la commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager. 

La Commissione europea ha precisato che la sanzione avrebbe potuto raggiungere l’1 per cento del fatturato complessivo. In altre parole, si sarebbero potuti superare i 250 milioni di multa. La cifra di 110 milioni è stata ritenuta dalle autorità proporzionata rispetto al caso. 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus