Me
Il re dei Paesi Bassi ha rivelato di lavorare in incognito come co-pilota
Condividi su:

Il re dei Paesi Bassi ha rivelato di lavorare in incognito come co-pilota

Guglielmo Alessandro ha raccontato di aver continuato a volare a bordo degli aerei della KLM anche dopo l'incoronazione del 2013 per due volte al mese

17 Mag. 2017

Per 21 anni il re dei Paesi Bassi ha rivelato di volare due volte a mese come co-pilota tenendo all’oscuro i passeggeri dei suoi voli. A raccontarlo al giornale De Telegraaf è stato lo stesso re Guglielmo Alessandro.

Il re è salito al trono nel 2013 ma il suo ruolo in cabina di pilotaggio è rimasto invariato. 

“Trovo che volare sia semplicemente fantastico”, ha raccontato al giornale dei Paesi Bassi. Il re ha intenzione di continuare a fare il co-pilota ma passerà i prossimi mesi a imparare come pilotare un Boeing 737.

Guglielmo Alessandro ha lavorato come “pilota ospite” prima di essere incoronato re per poter mantenere la patente di pilota. Spesso il reale ha viaggiato con il capitano della compagnia KLM Maarten Putman.

In passato, Guglielmo Alessandro aveva affermato che il suo sogno, nel caso in cui non fosse stato un membro della famiglia reale, sarebbe stato quello di pilotare un grande aereo come il Boeing 747.

Secondo quanto riferito nell’intervista, non ha mai usato il suo nome per essere presentato ai passeggeri e raramente è stato riconosciuto indossando l’uniforme e il berretto della compagnia KLM. Tuttavia, ha ammesso che qualche passeggero è stato in grado di riconoscere la sua voce.

“Il vantaggio è che posso sempre dare il benvenuto ai passeggeri a nome del capitano e dell’equipaggio, ma non devo dire il mio nome”, ha raccontato ancora.

La passione del re dei Paesi Bassi per il volo sembra gli sia stata trasmessa da sua madre, Beatrice, che abdicò da regina nel 2013. 

Ma Guglielmo Alessandro non è l’unico reale che si diletta a fare il pilota. Come lui, anche il sultano del Brunei, per esempio. Il principe Carlo è un pilota qualificato, così come i suoi figli William e Harry.

Nell’intervista, il re Guglielmo Alessandro è sembrato entusiasta del suo futuro come co-pilota.

“Sarebbe bello poter volare verso altre destinazioni un giorno, con più passeggeri a bordo e maggiori distanze da coprire. Questo è il vero motivo per cui mi alleno per il 737”.

Il re ha spiegato che per lui la cosa più importante è avere un hobby su cui potersi concentrare a pieno e volare è il suo miglior modo per rilassarsi. 

“Hai un aereo, i passeggeri e l’equipaggio e sei responsabile per loro. Non puoi portare i tuoi problemi con te quando decolli. Puoi completamente spegnerti per un po’ e concentrarti su qualcos’altro”. 

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus