Me

La modella che su Instagram mostra quanto sia facile manipolare la bellezza

Iskra Lawrence è una modella di lingerie che per evidenziare quanto Instagram non sia realistico ha condiviso due selfie, uno manipolato e uno realistico

Immagine di copertina

Instagram può sicuramente essere un luogo divertente, dove condividere le foto della nostra vacanza o dell’aperitivo in spiaggia. Ma può altrettanto rivelarsi una grande bugia. Le immagini vengono spesso manipolate, creando uno standard di bellezza irrealistico e pericoloso. Brit Iskra Lawrence, che vive a New York, è una modella di lingerie. Ha centinaia di foto di sé e conosce molto bene sia il suo corpo che il mondo della fotografia. 

Per evidenziare quanto Instagram non sia realistico, Iskra ha condiviso due selfie, uno dove sembra avere lo spazio tra le sue cosce e un secondo più realistico, in cui si mostra per quella che è.

Nella descrizione della foto, ha scritto: “Nelle foto è tutta questione di luce e di prospettiva. Ricordati sempre che i social non sono la vita reale, non permettere mai che le foto di qualcun altro ti facciano sentire insicura”. 

Il cosiddetto thigh gap, lo spazio tra le cosce, è diventato una vera e propria ossessione tra le teen agers, che riempiono i social network di foto in cui “testimoniano” la presenza dello spazio tra le loro cosce, sinonimo di un fisico perfetto. 

“Sei destinata a non essere nessun altra, il tuo corpo è la tua casa, amalo e rispettalo. Quando ti prendi cura di lui, succedono cose belle. #everyBODYisbeautiful”, scrive sul suo profilo Instagram da 3 milioni e mezzo di follower Iskra Lawrence, dove parla spesso di standard pericolosi dell’industria della moda e della percezione non realistica della bellezza. 

La statunitense in passato ha pubblicato foto di sé con la cellulite in bella mostra, o foto in cui confrontava la se stessa reale con quella photoshoppata di quando era ossessionata dal suo corpo. 

“Pensavo che se fossi stata perfetta, sarei stata più felice e una modella migliore. Lasciar perdere quel perseguimento della perfezione è stata la cosa migliore che abbia mai fatto. E invece di voler cambiare il mio corpo ho iniziato a lavorare per essere una versione migliore di me stessa dall’interno, che mi ha reso più felice e più fiduciosa”.