Me
Il gesto hip hop del principino norvegese durante una cerimonia ufficiale
Condividi su:

Il gesto hip hop del principino norvegese durante una cerimonia ufficiale

Mentre il re di Norvegia salutava la folla di fronte a lui, suo nipote Sverre Magnus, 11 anni, si è esibito in un "dab" diventato virale

12 Mag. 2017

Qui sopra il video “Il dab del principe norvegese”. Se non riesci a visualizzarlo correttamente sarà necessario mettere in pausa Adblock e ricaricare la pagina

Fino a pochi giorni fa, la cultura hip hop e la famiglia reale norvegese non avevano molto in comune, ma tutto questo è cambiato martedì 9 maggio grazie a un semplice gesto del principino Sverre Magnus, undici anni.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Quel giorno si svolgevano infatti le celebrazioni per gli 80 anni del re Harald e di sua moglie Sonja, entrambi nati nel 1937. I sovrani hanno scelto di unire in un unico festeggiamento ufficiale i loro compleanni, che cadono rispettivamente il 21 febbraio e il 4 luglio.

Per l’occasione, la famiglia reale si è affacciata a un balcone del palazzo reale di Oslo. Insieme agli anziani regnanti c’erano il principe Haakon, figlio del monarca, la principessa Mette-Marit e i loro bambini, tra cui l’undicenne Sverre Magnus.

Mentre il re salutava la folla di fronte a lui, Sverre ha lanciato un’occhiata di sfida a sua cugina Leah Isadora, di 12 anni, e ha proceduto subito dopo ad esibirsi in un dab, ovvero una mossa tipica della cultura hip hop che consiste nell’allungare un braccio in alto e appoggiare la testa sull’altro braccio.

Il gesto rientra tra le mosse del ballo hip hop, ma viene spesso usato anche solo come gesto celebrativo o per puro divertimento, come sembra sia avvenuto in questo caso, nonostante sia stato un reale a compierlo.

In alto, il video che riprende l’esilarante momento.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus