Me
Il video della pornostar morsa da uno squalo è un falso?
Condividi su:

Il video della pornostar morsa da uno squalo è un falso?

Molly Cavalli sostiene di essere rimasta ferita al piede mentre si trovava dentro una gabbia tra gli squali. Ma alcuni elementi fanno pensare che si tratti di una bufala

11 Mag. 2017

Un video che mostra la pornostar Molly Cavalli immergersi in una gabbia tra gli squali al largo della costa della Florida è diventato recentemente virale su Youtube con oltre 14 milioni di visualizzazioni. La donna, che lavora per il sito di live sex CamSoda, afferma di essere stata morsa a un piede da uno squalo.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Nel filmato, dopo che Cavalli si immerge in acqua, vengono inquadrati gli squali che circondano la gabbia. A un certo punto compare una macchia rossa e la ragazza torna in superficie e comincia a urlare e piangere, mostrando un segno sul piede. Molti giornali, italiani e stranieri, hanno riportato la notizia e il video.

Tuttavia, il momento esatto dell’attacco non è mostrato nel video e questo ha suscitato molti dubbi sull’autenticità della vicenda.

Un ulteriore elemento che fa pensare possa trattarsi di una bufala costruita ad arte sono le parole di Bryce Rohrer, proprietario della Florida Shark Diving company. Rohrer ha detto a un giornale locale che Cavalli e la CamSoda due mesi fa avevano chiesto il suo aiuto per produrre un video che mostrasse un morso falso di uno squalo e che diventasse sicuramente virale.

Rohrer sostiene che la società ha immediatamente rifiutato perché il suo scopo è mostrare l’importanza degli squali, non demonizzarli.

Inoltre, alcuni esperti hanno evidenziato che la ferita mostrata dalla pornostar non sarebbe compatibile con un morso di squali.

“Per un morso di questa profondità ci si aspetterebbe di vedere molti segni paralleli dei denti, non un solo taglio”, ha detto Stephen Kajiura, ricercatore alla Florida Atlantic University. “Ha più senso che lei si sia tagliata sul lato della gabbia e poi abbia dato la colpa allo squalo per avere pubblicità”.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus