Me
Il rapper sbugiardato che ha dato il via a una nuova moda su Twitter
Condividi su:

Il rapper sbugiardato che ha dato il via a una nuova moda su Twitter

Da ore si è diffuso sul social network l'hashtag #BowWowChallenge, dedicato al rapper Bow Wow, che aveva mentito su una foto pubblicata su Instagram

11 Mag. 2017

Shad Moss, in arte Bow Wow, è un rapper, attore e presentatore televisivo statunitense, ma se i suoi dischi non hanno recentemente prodotto grandi hit, negli ultimi giorni si è parlato molto di lui per un episodio che non ha nulla a che fare con le sue abilità artistiche.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Lunedì 8 maggio il rapper ha postato su Instagram una foto che ritraeva un jet privato in attesa di partire all’esterno di un aeroporto, con una didascalia in cui spiegava: “Giornata di viaggio. Si va a New York per un giro di interviste su Growing Up Hip Hop. Andiamoooo”.

Chiunque avesse visto questo post avrebbe intuito che quello ritratto fosse l’aereo con cui Bow Wow si stava dirigendo a New York, ma questa convinzione è crollata quando, il giorno dopo, un utente ha pubblicato una foto su Snapchat in cui si vedeva il rapper seduto nella fila davanti a lui in un volo commerciale e in seconda classe.

Quando la seconda foto ha cominciato a fare il giro della rete sono emersi anche nuovi dettagli, come il fatto che la foto diffusa da Bow Wow fosse in realtà un’immagine pubblicitaria di una compagnia di limousine, e che l’aeroporto ritratto non era quello di DeKalb-Peachtree in Georgia (come scritto nel post), ma quello di Fort Lauderdale, Florida.

Da quel momento Twitter non ha perso occasione per prendersi gioco del rapper, ed è nata rapidamente la mania del #BowWowChallenge, ovvero la moda di pubblicare due foto in cui la prima venga comicamente smascherata dalla seconda.

Eccone alcune:

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus