Me
La nuova copertina di Charlie Hebdo dedicata a Macron e a sua moglie
Condividi su:

La nuova copertina di Charlie Hebdo dedicata a Macron e a sua moglie

Il settimanale di satira ha fatto uscire il 10 maggio il suo nuovo numero e ha subito ritratto il neopresidente francese, non senza polemiche

11 Mag. 2017

La nota rivista satirica francese Charlie Hebdo non ha perso tempo nell’approfittare delle recenti elezioni, e nel numero uscito mercoledì 10 maggio ha messo in copertina il neopresidente Emmanuel Macron insieme a sua moglie Brigitte.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il settimanale ha voluto iniziare l’era Macron con una battuta relativa all’età della première dame, che ha 64 anni, 24 in più del marito appena eletto all’Eliseo. Nella vignetta si vede Macron che sorride accanto a Brigitte incinta, e la didascalia “Farà miracoli”, chiaramente riferita alla capacità del politico di riuscire anche in imprese biologicamente ardue.

Ecco la copertina:

L’immagine non è piaciuta ad alcuni commentatori e utenti dei social network, che l’hanno definita sessista e poco rispettosa della signora Macron, che anche durante tutta la campagna elettorale ha subìto diverse ironie per la sua età.

Già prima della vignetta Emmanuel Macron, 39 anni, aveva affrontato la questione in un’intervista al quotidiano Le Parisien parlando di misoginia nei confronti della sua compagna e di omofobia, visto che alcuni avevano anche suggerito che la relazione fosse un modo per celare la sua omosessualità.

“Se io fossi stato vent’anni più vecchio di mia moglie, nessuno avrebbe pensato per un solo secondo che non fossimo intimi”, aveva detto Macron.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus