Me
L’Italia ha sospeso il trattato di Schengen fino al 30 maggio
Condividi su:

L’Italia ha sospeso il trattato di Schengen fino al 30 maggio

La decisione del ministero dell'Interno vuole assicurare la sicurezza durante il G7. Possibili code e ritardi negli aeroporti e alle frontiere

11 Mag. 2017

È entrato in vigore il 10 maggio e resterà valido fino al 30 maggio il ripristino dei controlli alla frontiera italiana. Lo scopo della misura predisposta del ministero dell’Interno, che di fatto sospende il trattato di Schengen, è garantire lo svolgimento “regolare e ordinato” dei vertici del G7 in programma a Bari dall’11 al 13 maggio e a Taormina dal 26 al 27 dello stesso mese.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La decisione riguarda la cosidetta area Schengen, che comprende tutti i paesi membri dell’Unione europea con l’aggiunta di Islanda, Svizzera, Liechtenstein e Norvegia.

La sospensione è valida solo per i passeggeri dei voli internazionali, mentre le procedure per i voli nazionali rimarranno invariate. 

Il provvedimento comporterà tempi di attesa più lunghi negli aeroporti. Per questo l’Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac) ha invitato i passeggeri a recarsi in anticipo negli aeroporti rispetto ai tempi normalmente previsti, in modo da non incorrere in eventuali ritardi determinati dalla reintroduzione del controllo documentale.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata


Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus