Me

Un attivista italiano per i diritti gay è stato arrestato a Mosca

Yuri Guaiana dell'associazione radicale Certi Diritti stava portando firme contro la persecuzione degli omosessuali in Cecenia

Immagine di copertina

Un attivista italiano dell’associazione Certi Diritti, che si batte per la tutela dei diritti Lgbt, è stato fermato dalla polizia in Russia mentre si stava recando alla procura generale di Mosca per consegnare le firme raccolte con una petizione contro il trattamento degli omosessuali in Cecenia.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Yuri Guaiana, 42 anni, si trova ora in una caserma della polizia. Lo hanno fatto sapere il segretario dell’associazione Leonardo Monaco e il radicale Marco Cappato. Insieme a Guaiana sono stati arrestati altri quattro attivisti russi.

Gli attivisti stavano per consegnare oltre due milioni di firme raccolte online per chiedere l’apertura di un’indagine sulle presunte persecuzioni dei gay in Cecenia. Gli attivisti russi sono Alexandra Aleksieva, Marina Dedales, Nikita Safronov e Valentina Dekhtiarenko, secondo quanto ha riportato l’organizzazione Open Russia.

In un tweet il sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova ha detto che il consolato italiano si sta attivando per risolvere la situazione.


“Siamo in contatto con la Farnesina che sta seguendo la vicenda di Yuri Guaiana e gli avvocati sul posto”, ha detto Leonardo Monaco. “Sappiamo che Yuri sta bene e conosciamo le coordinate della caserma dove è trattenuto”.

Dopo il suo arresto Yuri Guaiana ha potuto rilasciare un’intervista telefonica a Radio Radicale che l’ha pubblicata online.

“Sto bene e sono al centro di Mosca di fronte alla stazione di polizia dentro una camionetta”, ha detto Guaiana. “Qui fare una cosa banale per noi italiani come consegnare le firme di una petizione qui diventa impossibile perché si parla di omosessuali”.

Nel primo pomeriggio dell’11 maggio, il sottosegretario agli Esteri Della Vedova ha comunicato su Twitter che l’attivista è stato rilasciato. “Assistito dal consolato, viene accompagnato in aeroporto”, ha scritto.

— Leggi anche: Cosa sta succedendo agli omosessuali in Cecenia 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata