Me
Che cos’è il Wikibombing e perché sta invadendo le pagine di Facebook
Condividi su:

Che cos’è il Wikibombing e perché sta invadendo le pagine di Facebook

Una nuova moda si sta diffondendo in rete: commentare gli articoli condivisi sulle pagine ufficiali delle testate giornalistiche con un copia-incolla di voci Wikipedia

10 Mag. 2017

Il web che si ribella al “nulla che avanza”. Almeno apparentemente. Alcune testate giornalistiche come Slow News l’hanno definito Wikibombing. Una nuova moda che si sta diffondendo in rete: commentare gli articoli condivisi sulle pagine ufficiali delle testate giornalistiche con un copia-incolla di voci di Wikipedia.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

I commenti non hanno nessuna pertinenza con il post. Descrizioni di eventi storici, di luoghi o di personaggi famosi appaiono a corredo degli articoli con l’intento di protestare nei confronti di quelle che sono valutate come non-notizie. Spesso capita di imbattersi anche in ricette di cucina con tanto di ingredienti e modalità di esecuzione.

Si potrebbe interpretare come una reazione di protesta dei lettori scontenti che sono stufi di leggere notizie valutate insoddisfacenti o di bassa qualità.

Alcuni lettori trasmettono così la propria disapprovazione, chiedendo uno sforzo maggiore a chi si occupa di fare informazione. In particolar modo si cerca di combattere la tendenza di alcune testate giornalistiche nel diffondere un gran numero di articoli creati al solo scopo di ottenere il maggior numero di click. Quello che viene definito clickbaiting. 

Il più delle volte si ritrovano sotto le notizie che si possono definire “di colore”, “pop” o decisamente di “gossip”, altre volte spuntano anche sotto quelle news che potrebbero essere considerate di qualità più alta.

Ancora non è noto se chi scrive i commenti lo faccia per singola iniziativa o agisca di comune accordo con altri “ribelli” del web. 

(L’articolo continua dopo l’immagine)

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus