Me

In Australia una persona su cinque è vittima di revenge porn

Uno studio mostra che nel paese l'abuso relativo all'uso delle immagini a sfondo sessuale è più diffuso di quanto si pensi

Immagine di copertina

Un australiano su cinque ha subito abusi relativi all’uso delle sue immagini a sfondo sessuale, secondo quanto riportato da uno studio sul revenge porn.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La ricerca è stata condotta su 4.200 persone e ha rivelato che uomini e donne sono stati colpiti più o meno allo stesso modo dal fenomeno del revenge porn. 
Un quinto delle persone ha dichiarato che le proprie immagini in atteggiamenti sessualmente espliciti sono state prese senza permesso, e l’11 per cento di loro ha detto che sono state distribuite senza consenso.

Lo studio mostra che l’abuso è più diffuso di quanto non si pensi, secondo i ricercatori. 

Gli autori sono solitamente di più gli uomini, mentre le donne sono molto preoccupate per la loro sicurezza, in base a quanto riportato dall’università Rmit.

Il rischio è maggiore per le minoranze del paese, tra cui indigeni, disabili e appartenenti alla comunità Lgbt australiana.

“L’abuso relativo all’uso delle immagini è un fenomeno emerso rapidamente come una questione che inevitabilmente le nostre leggi e le nostre politiche stanno combattendo”, ha detto Nicola Henry, uno dei ricercatori.

“Non si tratta solo del revenge porn, le immagini vengono usate per controllare e umiliare le persone”.

Solo due stati, Victoria e South Australia, hanno leggi specifiche contro la distribuzione delle immagini senza il consenso. 

— LEGGI ANCHE: Che cos’è il revenge porn e cosa si vuole fare per fermarlo

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata