Me
Putin sostiene un’inchiesta sulla situazione degli omosessuali in Cecenia
Condividi su:

Putin sostiene un’inchiesta sulla situazione degli omosessuali in Cecenia

Il presidente russo ha annunciato che chiederà al procuratore generale e al ministro dell'Interno di seguire il caso

05 Mag. 2017

Il presidente russo Vladimir Putin ha detto di sostenere un’inchiesta sul giro di vite riguardante le persone omosessuali in Cecenia.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Putin ha dichiarato che chiederà personalmente al procuratore generale e al ministro dell’Interno di seguire il caso.

Negli scorsi giorni la cancelliera tedesca Angela Merkel aveva insistito affinché le autorità russe proteggessero i diritti delle persone omosessuali in Cecenia.

Gli ufficiali ceceni hanno negato persino l’esistenza di gay nella repubblica, rispondendo alle accuse di arresti e torture da loro subiti.

Venerdì 5 maggio, Putin ha detto che avrebbe chiesto personalmente al procuratore generale e al ministro dell’Interno di aiutare la ombudswoman del Cremlino, Tatyana Moskalkova, nel verificare i presunti abusi.

Durante un incontro con Moskalkova, il presidente si è riferito a questi report delle accuse come “voci su quello che sta avvenendo nel nostro Nord del Caucaso con le persone di orientamento non tradizionale”, ha affermato usando un eufemismo per riferirsi alle persone omosessuali.

La ombudswoman del Cremlino aveva proposto la creazione di un gruppo di lavoro per ricevere le denunce di violazioni dai cittadini sugli abusi.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus