Me

Le storiche battaglie delle ragazze scout per l’uguaglianza

Il movimento delle Girl Scouts, fondato nel 1912 negli Stati Uniti, ha partecipato a battaglie per i diritti civili e politici delle donne

Immagine di copertina

Negli ultimi giorni si è diffusa sui social network un’immagine che mostra una giovane scout della Repubblica Ceca sfidare un neonazista durante una manifestazione di estrema destra del primo maggio a Brno. La fotografia, scattata da Vladimír Čičmanec, mostra una netta contrapposizione tra il manifestante vestito di nero, con gli occhiali scuri, e la ragazza con la sua divisa da scout e il fazzoletto verde, mentre tiene uno striscione che recita “Noi cresceremo i vostri figli”.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il gruppo delle Girl Scouts è stato fondato negli Stati Uniti nel 1912 da Juliette Gordon Low e si basa sui principi sviluppati dal fondatore del movimento scout Baden-Powell. Questo movimento è diffuso in 146 paesi del mondo e le Girl Scouts sono da decenni in prima linea per le battaglie in nome dei valori della pace, della comprensione e della diversità.

Negli anni Trenta, mentre negli Stati Uniti era in corso la Grande Depressione, le Girl Scouts hanno partecipato alle operazioni di soccorso attraverso la raccolta di vestiti e cibo per i bisognosi.

Durante la seconda guerra mondiale, le Girl Scouts interessate hanno partecipato al programma Wing scout, con cui potevano imparare a volare e servire il loro paese attraverso l’aviazione. Alcuni gruppi scout hanno inoltre svolto il servizio di corriere in bicicletta.

Un’importante battaglia sostenuta dalle Girl Scout è quella per l’uguaglianza. Nel 1956 Martin Luther King ha chiamato il gruppo: una “forza di desegregazione”, perché sempre più gruppi di ragazze scout integravano ragazze afroamericane e latine, che prima dovevano appartenere a gruppi diversi. 

Alla fine degli anni Sessanta, le Girl Scouts hanno lanciato una iniziativa chiamata ACTION 70 per abbattere i pregiudizi legati a razza, religione e nazionalità. Nel 1975 Gloria R. Scott è diventata la prima presidente donna afroamericana delle Girl Scout a livello nazionale.

Qui sotto una foto di Girl Scout of the USA. L’articolo continua dopo la foto.

Un’altra delle battaglie delle ragazze scout ha riguardato il diritto di voto alle donne. Il sito Mashable ha pubblicato una foto del 1921 che mostra una ragazza scout che si prende cura del figlio di una donna mentre lei vota. Le ragazze scout sono inoltre state incoraggiate a imparare il funzionamento delle istituzioni e della politica per guadagnare i loro distintivi.

Qui sotto una foto di Girl Scout of the USA. L’articolo continua dopo la foto.

La lotta per l’integrazione delle ragazze scout riguarda anche la discriminazione religiosa. Spaventate dalla retorica dell’islamofobia, nel 2016 le ragazze scout di Orange County, in California, hanno deciso di organizzare una giornata delle porte aperte in moschea e di invitare le famiglie musulmane a unirsi a loro.

— Leggi anche: La foto simbolo della scout che affronta i neonazisti in Repubblica Ceca

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata