Me
Cosa sappiamo sul blocco di Whatsapp
Condividi su:

Cosa sappiamo sul blocco di Whatsapp

Il servizio di messaggistica ha smesso di funzionare in diversi paesi del mondo nella serata del 3 maggio per un problema interno all'applicazione

04 Mag. 2017

WhatsApp ha spesso di funzionare per due ore nella serata del 3 maggio. Il blocco della famosa applicazione di messaggistica ha interessato gli utenti di tutto il mondo che si sono trovati a non poter comunicare con i loro contatti sulla piattaforma.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

L’azienda che è stata acquistata da Facebook nel 2014 ha riconosciuto il problema con un e-mail del suo portavoce scritta quando il servizio è stato ripristinato. In Italia il disservizio è cominciato verso le 22.30 ed è continuato fino alle 2 di notte. Non sono stati chiariti i motivi del malfunzionamento. Il portavoce dell’azienda ha riferito a Business Insider che si è trattato comunque di un problema interno e non di un attacco da parte di terzi.

Sulla vicenda è intervenuto anche il numero uno di Facebook Mark Zuckerberg che nella notte si è scusato sul suo profilo per il disagio incontrato dagli utenti comunicando l’impegno per far tornare WhatsApp al normale funzionamento dell’applicazione.

La società non ha comunicato i motivi del blocco del servizio che si è verificato su diversi sistemi operativi mobile. L’hashtag #whatsappdown è stato uno dei più usati su Twitter e ha raccolto le opinioni e la frustrazione degli utenti per l’impossibilità di mandare messaggi ed effettuare chiamate tramite l’applicazione.

L’inconveniente sull’applicazione è arrivato nel giorno in cui Mark Zuckerberg ha comunicato i risultati trimestrali della sua azienda con le cifre relative a ciascuno dei servizi offerti. Nello specifico WhatsApp ha registrato 1,2 miliardi di utenti attivi ogni mese.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus