Me
Macron si difende dall’accusa di avere un conto alle Bahamas
Condividi su:

Macron si difende dall’accusa di avere un conto alle Bahamas

Il candidato di En Marche! alle elezioni francesi ha presentato una denuncia contro ignoti dopo il sospetto sollevato anche da Le Pen durante il confronto televisivo

04 Mag. 2017

Emmanuel Macron ha presentato una denuncia per falso e diffusione di notizie false relative a un suo presunto conto corrente offshore per influenzare il voto. La denuncia è stata rivolta verso ignoti.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La leader del Front National Marine Le Pen aveva insinuato durante il confronto televisivo con il candidato di En marche! che il suo rivale alle prossime elezioni presidenziali francesi disponesse di un conto alle Bahamas.

La notizia della denuncia è stata rivelata a Franceinfo dai collaboratori di Macron ed è stata confermata dall’ufficio del procuratore francese. Nel corso del dibattito televisivo, Marine Le Pen, per rispondere alle affermazioni di Macron sulle inchieste giudiziarie sul Front National, aveva detto : “Spero che non si venga a sapere tra qualche giorno o qualche settimana che lei ha un conto offshore alle Bahamas!”.

L’esponente dell’estrema destra francese ha poi precisato alla tv Bfm di non avere prove dell’esistenza di un conto offshore: “La mia non era un’insinuazione ma una domanda. Si ha ancora il diritto di farne?”, ha detto. 

Secondo lo staff di Macron, la notizia era circolata su internet prima che iniziasse il confronto televisivo.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus