Me
Forza Nuova ha assaltato la sede dell’Organizzazione per le migrazioni a Roma
Condividi su:

Forza Nuova ha assaltato la sede dell’Organizzazione per le migrazioni a Roma

In un video si vedono i manifestanti occupare il giardino degli uffici dell'Oim, accendendo fumogeni e urlando slogan contro gli immigrati

04 Mag. 2017

L’Ufficio di Coordinamento per il Mediterraneo dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (Oim) ha denunciato di essere stata vittima, nella mattinata di giovedì 4 maggio, di un assalto “vandalico” da parte di alcuni militanti del movimento di destra Forza Nuova.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Una decina di manifestanti ha occupato lo spazio esterno della sede dell’organizzazione, a Roma, appendendo uno striscione contro le Ong che effettuano operazioni di ricerca e soccorso nel Mediterraneo. I manifestanti hanno acceso fumogeni e urlato slogan contro l’immigrazione.

Secondo quanto scritto dall’agenzia di stampa Ansa, i militanti di Forza Nuova avrebbero anche schernito un migrante che stava entrando negli uffici dell’organizzazione.

Federico Soda, direttore dell’Ufficio di Coordinamento per il Mediterraneo, ha espresso una ferma condanna e ha denunciato la gravità dell’episodio. “Colpire in modo vandalico una organizzazione delle Nazioni Unite impegnata nel campo della migrazione non aiuterà ad affermare le posizioni di stampo xenofobo che i manifestanti si propongono di diffondere. Posizioni frutto di un’analisi confusa e superficiale, purtroppo sempre più basata su luoghi comuni che su una reale conoscenza del fenomeno”, ha dichiarato.

“Pur non essendo un’organizzazione non governativa e non svolgendo attività di soccorso nel Mediterraneo, ribadiamo l’importanza e la necessità di salvare vite e condanniamo con fermezza le accuse rivolte a tutti coloro che si impegnano nelle operazioni di ricerca e soccorso in mare”, aggiunge.

L’Oim, agenzia parte del sistema della Nazioni Unite con 166 stati membri e con quartier generale a Ginevra, si occupa in Italia di varie attività relative al fenomeno migratorio, dall’assistenza ai punti di sbarco alla realizzazione di programmi di Migrazione e Sviluppo in Africa e al sostegno al Ritorno Volontario e Assistito per quei migranti che intendono tornare nel loro paese di origine.

Alessio Costantini, responsabile romano di Forza Nuova, ha dichiarato che questo “è stato solo un primo avvertimento. Non lasceremo che quanto denunciato dal procuratore di Catania Zuccaro venga insabbiato”.

“Sono anni che Forza Nuova denuncia il connubio tra malavita internazionale, schiavisti e Ong per pilotare l’invasione di immigrati e la sostituzione etnica. A riprova della delicatezza del tema sollevato da Zuccaro, Soros, il capo dei capi, si è incontrato col premier Gentiloni, probabilmente per assicurarsi l’impunità e la salvaguardia degli affari. Questo, ovviamente, è alto tradimento nei confronti della patria”, ha detto Costantini.

“Oggi siamo entrati qui, ma siamo pronti ad assediare il parlamento se l’invasione non viene immediatamente fermata, e gli immigrati già presenti non vengono rimpatriati. Non consentiremo la sostituzione etnica del nostro popolo. Italia agli italiani”.

Forza Nuova ha pubblicato un video su YouReporter rivendicando l’azione e spiegando di aver “occupato la sede dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni per protestare contro la connivenza tra Ong e le organizzazioni internazionali degli scafisti in seguito alle denunce del pm di Catania Carmelo Zuccaro”. 

Il movimento di destra ha pubblicato su Facebook altri video di quello che definiscono un “assalto”. In uno di questi filmati si vedono i manifestanti accendere i fumogeni e urlare alcuni slogan all’interno del giardino dell’organizzazione.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus