Me
La donna più pesante del mondo è dimagrita di 300 chili
Condividi su:

La donna più pesante del mondo è dimagrita di 300 chili

Eman Ahmed Abd El Aty, 36 anni, pesava oltre 500 chili quando era stata operata al Saifee Hospital di Mumbai nel marzo 2017. Sarà adesso trasferita ad Abu Dhabi

04 Mag. 2017

Eman Ahmed Abd El Aty, 36 anni, la donna più pesante del mondo, è dimagrita 300 chili dopo essere stata operata al Saifee Hospital di Mumbai nel marzo 2017. Sarà adesso trasferita ad Abu Dhabi per essere sottoposta a ulteriori trattamenti dimagranti. La donna pesava oltre 500 chili. 

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Una serie di operazioni a Mumbai hanno abbassato il suo peso fin sotto i 200 chili, ha dichiarato il suo medico, Muffazal Lakdawala, dicendo che la donna avrà bisogno di un’ulteriore operazione chirurgica per camminare di nuovo.

“La sua struttura ossea è povera”, ha dichiarato Lakdawala. “Tanti anni di inattività ne hanno aggravato il problema: avrà bisogno di altri interventi chirurgici per raddrizzare i fianchi e le ginocchia”, ha aggiunto.  

I media indiani hanno riferito che la famiglia della donna non è rimasta soddisfatta della riuscita dell’intervento chirurgico 

La donna non lasciava la propria casa in Egitto da 25 anni. Una volta noleggiato il volo, è giunta in India a gennaio per sottoporsi all’ intervento chirurgico per dimagrire. Con i suoi 500 chili di peso, era considerata la donna più pesante del mondo.

I genitori raccontano che la ragazza alla nascita pesava cinque chili e che all’età di 11 anni il suo peso aveva cominciato a salire improvvisamente, procurandole un ictus che l’ha costretta a letto per anni. Sua madre e sua sorella hanno continuato a prendersi cura di lei.

Eman Ahmed Abd El Aty soffre di obesità legata al linfedema, che provoca il gonfiore delle gambe, diagnosticatale da bambina.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus