Me
Le parole più belle per descrivere l’amore che non esistono in italiano
Condividi su:

Le parole più belle per descrivere l’amore che non esistono in italiano

Anche se è una lingua invidiata in tutto il mondo, l'italiano è priva di alcuni vocaboli utili per definire situazioni sentimentali ed emozioni romantiche specifiche

09 Set. 2017

Per quanto la lingua italiana sia una delle più belle e musicali al mondo, non sempre riusciamo a trovare nel nostro vocabolario i termini giusti per spiegare alcune sensazioni che proviamo, soprattutto in ambito sentimentale.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Per questo è possibile affidarsi alle lingue straniere che in alcuni casi riescono a dare un nome a situazioni, emozioni e sentimenti che riescono perfettamente a inquadrarli.

Ecco una lista di vocaboli stranieri che riassumono le emozioni legate all’amore:

Kilig – Tagalog, una lingua delle Filippine

La vertigine che si prova quando si incontra la persona per cui si ha una cotta.

Retrouvailles – Francese

La gioia che si prova quando si incontra una persona amata dopo una lunga separazione.

Cwtch – Gallese

L’abbraccio in cui ci sentiamo protetti, il posto sicuro che ci dà la persona che ci ama, un posto che conferisce una sicurezza che solo quelle braccia sanno dare.

Flechazo – Spagnolo

Il colpo di fulmine, l’amore a prima vista.

Cafuné – Portoghese

Il gesto di passare le dita tra i capelli della persona amata.

Geborgenheit – Tedesco

La sensazione di sicurezza che si prova stando insieme alle persone a cui si vuole bene.

Merak – Serbo

La sensazione di unità e armonia con l’universo che deriva dai piaceri più semplici.

Iktsuarpok – Inuit

La sensazione di attesa prima di incontrare qualcuno che ci piace.

Koi no yokan – Giapponese

Incontrare qualcuno e sapere di essere destinati a innamorarsi a vicenda.

— LEGGI ANCHE: Parole intraducibili

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus