Me
Due scienziati hanno creato un topo a due teste
Condividi su:

Due scienziati hanno creato un topo a due teste

Sergio Canavero e Xiaoping Ren hanno trapianto la testa di un roditore su quella di un altro. L'animale è sopravvissuto per 36 ore

02 Mag. 2017

Sergio Canavero, neurochirurgo di Torino che collabora con lo scienziato cinese Xiaoping Ren, ha creato in laboratorio un particolare topo a due teste. 

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Canavero e Ren hanno effettuato un trapianto di testa posizionandola sul corpo di un secondo ratto, mostrando che l’animale a due teste è rimasto in vita per 36 ore. Il neurochirurgo ha prima tagliato la testa di un piccolo roditore, attaccandola a un altro topo, posizionando sul dorso del ratto all’altezza della sua testa. 

I due neurochirurghi hanno utilizzato il sangue di un terzo roditore per le trasfusioni necessario al nuovo animale creato. 

Nonostante l’animale non sia sopravvissuto a lungo, quello dei due scienziati è un primo importante risultato che fa da apripista a nuove ricerche nel campo dei trapianti di testa sull’essere umano.

L’obiettivo era capire se si riesce a trapiantare con successo una testa senza danneggiare il cervello a causa di un eccessiva perdita di sangue. 

L’esperimento, descritto sulla rivista Cnd Neuroscience and Therapeutics, ha evidenziato che è possibile mantenere la circolazione del sangue durante il trapianto collegando i vasi sanguigni del topo donatore all’altro topo.

I problemi tecnici e scientifici insorti erano già noti ai due scienziati e devono essere ancora risolti prima di poter proseguire con successo al trapianto di testa su organismi viventi e farli sopravvivere. I medici sono stati in grado di evitare perdite di sangue che possono danneggiare il cervello.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus