Me

Una ragazza genovese è stata trovata morta a Londra

Non sono chiare le cause della sua morte. La giovane lavorava in un pub londinese ma da qualche giorno non si recava a lavoro. È stata la madre a dare l'allarme

Immagine di copertina

Benedetta Podestà, una ragazza genovese di 19 anni, è stata ritrovata morta nell’appartamento di Londra dove viveva da qualche mese. Non sono chiare le cause della sua morte. La giovane lavorava in un pub londinese ma da qualche giorno non si recava a lavoro.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

È stata la madre a dare l’allarme, non sentendola dal 25 aprile, allertando gli amici della ragazza. Il suo cadavere è stato trovato da un’amica nella sua abitazione.

Il sostituto procuratore genovese Federico Manotti ha aperto un fascicolo per atti relativi al decesso. Le autorità inglesi procederanno con l’autopsia per chiarire le cause della morte.

“Se non ci fossimo lasciati forse Benedetta sarebbe ancora viva. Mi sto dando la colpa per quello che è successo”. Ha la voce rotta Lukas Hatarik, ex ragazzo di Benedetta Podestà.

“L’ho lasciata prima che partisse per l’Inghilterra perché ero geloso e non mi fidavo. Abbiamo litigato più volte. Poi lei è partita e io sono andato in Germania. L’ho sentita un paio di mesi fa. Mi mancava. Ci ho ripensato a tornare con lei. Ma ormai era finita. Speravo anche di riuscire a farle una sorpresa a Londra e invece oggi ho saputo che è morta. Adesso vedo le nostre foto insieme e mi viene da piangere”, si legge sul quotidiano la Repubblica. La madre era contraria alla relazione tra i due. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata


Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus