Me

Il video che vuole far riflettere chi accusa le Ong

Dopo le polemiche sulle organizzazioni umanitarie accusate di contatti con i criminali libici, Medici senza frontiere ha pubblicato il video "Questo non è un gioco!"

Immagine di copertina

Dopo che il procuratore di Catania Carmelo Zuccaro ha parlato pubblicamente di una presunta collusione tra operatori umanitari e gruppi di scafisti libici, si è aperta una polemica sul ruolo delle organizzazioni non governative che salvano i migranti nel Mediterraneo.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Anche esponenti del mondo politico si sono espressi al riguardo e in particolare il Movimento cinque stelle di Beppe Grillo ha parlato di un “ruolo oscuro delle Ong”. A seguito della polemica l’organizzazione umanitaria Medici senza frontiere ha voluto inviare un video in risposta a chi attacca la funzione e il modo di operare delle Ong.

“Per riportare alla realtà la strumentale polemica di questi giorni, stiamo diffondendo il video-animazione Questo non è un gioco.”, si legge in un comunicato di Msf. “Basta giocare con la vita delle persone. Basta attaccare le Ong impegnate a salvare vite in mare. Il vero problema sono le fallimentari e disumane politiche migratorie dell’Europa. Servono vie legali e sicure. Ed è urgente l’avvio di un’operazione dedicata di ricerca e soccorso da parte dell’Unione Europea”.

Qui sotto il video diffuso dall’Ong Medici senza Frontiere:

— Leggi anche: Quali sono le principali Ong europee che lavorano per soccorrere i migranti

— Leggi anche: Cosa sappiamo sui presunti legami tra Ong e trafficanti nel Mediterraneo

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata