Me
La fatwa contro le spose bambine emessa dalle donne islamiche indonesiane
Condividi su:

La fatwa contro le spose bambine emessa dalle donne islamiche indonesiane

Dopo un congresso di tre giorni, le ecclesiastiche hanno chiesto al governo di intervenire per innalzare l'età minima consentita dalla legge per sposarsi

28 Apr. 2017

Alcune donne ecclesiastiche islamiche indonesiane hanno emesso una fatwa contro il matrimonio tra bambini per denunciare l’alto numero di spose bambine nel paese. La fatwa nella religione islamica rappresenta una vera e propria sentenza giuridica che il fedele è tenuto a rispettare.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La fatwa, che non è legalmente vincolante ma sarà influente, è stata emessa dopo un congresso di tre giorni delle ecclesiastiche del paese.

Le donne hanno chiesto al governo di innalzare l’età minima perché un matrimonio sia legale: attualmente le donne possono sposarsi a 16 anni, ma la richiesta è di portare questo tetto ai 18 anni.

L’Indonesia è un paese a maggioranza musulmana e ha uno tra i tassi più alti di spose bambine al mondo.

Secondo quanto riportato dalll’Unicef, in Indonesia una donna su quattro si sposa prima dei 18 anni.

Il congresso, che si è tenuto a Cirebon, nell’isola di Giava, è stato definito il primo grande incontro tra le donne ecclesiastiche musulmane.

Le fatwa vengono abitualmente emesse in Indonesia, ma solitamente a farlo è l’Ulema Council, la più alta autorità islamica nel paese, formata quasi interamente da uomini.

“Possiamo intraprendere azioni e non aspettare solamente che il governo protegga queste bambine”, ha detto l’organizzatrice del congresso, Ninik Rahayu.

Secondo quanto riportato da alcuni studi citati dalle donne, molte bambine spose indonesiane non hanno la possibilità di continuare i loro studi e la metà dei loro matrimoni finisce con il divorzio.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus