Me
Il sequel di Split sarà anche il seguito di un film con Bruce Willis del 2000
Condividi su:

Il sequel di Split sarà anche il seguito di un film con Bruce Willis del 2000

Il regista indiano-americano M. Night Shyamalan ha annunciato che nel 2019 uscirà un suo nuovo film che farà da sequel a due sue precedenti opere

27 Apr. 2017

Il regista indiano-americano M. Night Shyamalan, autore di grandi successi come Il sesto senso e Signs, ha annunciato ieri 26 aprile che nel 2019 uscirà un suo nuovo film che farà contemporaneamente da sequel a due sue precedenti opere: Unbreakable, del 2000, e Split, del 2017.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il nuovo film, previsto per il 18 gennaio 2019, si chiamerà Glass, ed è un interessante esperimento di fusione di due film apparentemente non connessi in alcun modo, secondo una tecnica di ibridazione tra opere diverse che finora si è vista quasi solo nei film di supereroi della Marvel.

In Glass torneranno Bruce Willis e Samuel L. Jackson, che riprenderanno i ruoli di Unbreakable – Il predestinato, film che nel 2000 li aveva visti protagonisti, così come James McAvoy e Anya Taylor-Joy, che quest’anno hanno inquietato gli spettatori nel thriller psicologico Split.

Shyamalan ha dato la notizia attraverso una lunga serie di tweet in cui, una dopo l’altra, ha rivelato diverse informazioni sulla sua nuova opera: “Ho finito la nuova sceneggiatura. Ci sono voluti 17 anni ma posso finalmente rispondere alla domanda che mi viene fatta più spesso: ‘Farai un c**zo di sequel di Unbreakable o no?’ Il mio nuovo film è il sequel di Unbreakable E di Split. È sempre stato il mio sogno che entrambi i film si fondessero in questo terzo film”.

Questi i trailer dei due film che troveranno un unico sequel nel prossimo Glass:

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus