Me
Le lingue di Game of Thrones saranno studiate all’università di Berkeley
Condividi su:

Le lingue di Game of Thrones saranno studiate all’università di Berkeley

A partire da fine maggio 2017, il linguista David J. Peterson, creatore delle lingue fittizie parlate nella nota serie televisiva, terrà un corso nell'ateneo americano

27 Apr. 2017

I fan della serie tv Game of Thrones – Il trono di spade, prodotta da HBO dal 2011 e in procinto di tornare con la sua settima stagione, potranno presto avere a che fare con i loro episodi preferiti nelle aule della prestigiosa università californiana di Berkeley.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Non sarà, però, un corso di cinema o di televisione a trattare delle avventure immaginate dalla mente dello scrittore George R.R. Martin, bensì un corso di linguistica che  il linguista David J. Peterson terrà a partire da fine maggio 2017

Peterson è l’uomo che ha creato, fin dalla prima stagione della serie, le lingue fittizie denominate dothraki e alto valyriano, due idiomi usati da alcuni popoli della serie. Lo studioso li ha coniati da cima a fondo seguendo regole precise e applicando i suoi studi di altre lingue reali.

Per sei settimane Peterson sarà quindi impegnato a spiegare agli studenti La linguistica di Game of Thrones e l’arte dell’invenzione di una lingua, come recita il titolo del corso, che approfondirà con tono più accademico i temi già trattati tre anni fa in Living Language Dothraki, una guida ufficiale di 128 pagine con tanto di cd allegato alla lingua dothraki.

Questo è l’intervento di Peterson a una TED Talk del 2013 in cui spiegava le basi del suo lavoro:

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus