Me
La mappa dell’Europa in cui ogni paese è rappresentato dall’opera di Picasso che ospita
Condividi su:

La mappa dell’Europa in cui ogni paese è rappresentato dall’opera di Picasso che ospita

Sono 28 i paesi nel continente che espongono i lavori dell'artista spagnolo. In questa mappa è possibile rintracciare le opere, i musei e gli stati che le ospitano

20 Giu. 2017

Pablo Picasso è forse l’artista più rappresentativo dell’arte contemporanea. Lo si ricorda come instancabile uomo che rivoluzionò il modo di vedere la pittura e la scultura. 

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Non è un caso che i musei a lui dedicati si trovino nelle città che hanno segnato maggiormente la sua vita: Malaga, Barcellona, Antibes e Parigi.

Eppure queste quattro città sono solo alcune dei tanti luoghi che ospitano almeno un’opera del famoso artista.

In questa mappa, pubblicata da un utente su Reddit, sono 28 i paesi in Europa che espongono i lavori di Picasso. In questa mappa è possibile rintracciare le opere, i musei e gli stati che le ospitano.

A questo link la mappa ingrandibile. 

(L’articolo continua dopo la mappa)

Di seguito la lista completa:

• Londra, Regno Unito. Tate Modern Museum: The Weeping Woman (1937)

• Parigi, Francia. Musée Picasso: Seated Woman (1937)

• Lucerna, Svizzera. Sammlung Rosengart Museum: Portrait of a Painter, after El Greco (1950)

• Venezia, Italia. Peggy Guggenheim Collection: Pipe, Glass, Bottle of Vieux Marc (1914)

• Otterlo, Paesi Bassi. Kröller-Müller Museum: Violin (1912)

• Colonia, Germania. Ludwig Museum: Seated Harlequin (1923)

• Barcelona, Spagna. Museu Picasso: Les Meninas (1957)

• Brusselle, Belgium. Royal Museums of Fine Arts of Belgium: Guitar and Fruit Bowl (1920)

• Vienna, Austria. Albertina Museum: Naked Woman with Bird and Flute Player (1967)

• Praga, Repubblica Ceca. National Gallery of Prague: Self-Portrait (1907)

• Copenhagen, Danimarca. Statens Museum For Kunst: Glass with Lemon Slice (1913)

• Oslo, Norvegia. National Gallery: Still Guitar (1919)

• Stoccolma, Svezia. Moderna Museet: Woman with Black Eyes (Dora Maar) (1943)

• Helsinki, Finlandia. Ateneum: Woman’s Bust after Cranach the Younger (1958)

• San Pietroburgo, Russia. State Hermitage Museum: Abstinthe Drinker (1901)

• Kharkov, Ucraina. Feldman Family Museum: La Petite Corrida (1957)

• Lisbona, Portogallo. Museu Coleção Berardo: Femme dans un fauteuil (Métamorphose) (1929)

• Dublino, Irlanda. National Gallery of Ireland: Still Life with a Mandolin (1924)

• Reykjavík, Islanda. National Gallery of Iceland: Jacqueline with Yellow Ribbon (1962)

• Budapest, Ungaria – Museum of Fine Arts: Bust of Woman in a Hat (1962)

• Belgrado, Serbia. National Museum of Serbia: Head of Woman (1909)

• Atene, Grecia. Athens National Gallery: Woman’s Head (1939)

• Varsavia, Polonia. National Museum in Warsaw: Breakfast on Grass (1962)

• Bucarest, Romania. National Museum of Art: Bullfight (1934)

• Lubiana, Slovenia. Visconti Gallery: Source (1921)

• Minsk, Bielorussia. National Art Museum of the Republic of Belarus: Ceramic Artworks (1940s)

• Bratislava, Slovacchia. Slovak National Gallery: Dream and Lie of Franco (1937)

• Lussemburgo, Granducato di Lussemburgo. National Museum of History and Art: Paysage de Cannes au Crépuscule (1960)

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus