Me
Cosa non sappiamo ancora sull’attacco a Parigi
Condividi su:

Cosa non sappiamo ancora sull’attacco a Parigi

Un uomo ha sparato contro gli agenti della polizia, uccidendone almeno uno. L'assalitore è stato ucciso

20 Apr. 2017

Almeno un agente di polizia è stato ucciso e altri due sono rimasti feriti in una sparatoria avvenuta a Parigi. Ucciso anche un assalitore. L’attacco è stato rivendicato dall’Isis.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Cosa non sappiamo ancora di quanto avvenuto sugli Champs Elysees:

• Il numero degli assalitori. Inizialmente si era pensato a due uomini, di cui uno in fuga. Dalle ultime informazioni sembra esserci un solo assalitore.

• Il numero di agenti feriti e morti.  Due agenti di polizia sono rimasti feriti, ma uno dei due potrebbe essere morto, secondo quanto riportato dal sindacato di categoria, informazione smentita dal ministero dell’Interno. Un altro agente è sicuramente morto durante la sparatoria.

• I motivi dell’attacco.

• Il nesso tra quanto avvenuto e le elezioni presidenziali che si terranno domenica 23 aprile.

• I legami tra l’assalitore e gli uomini arrestati a Marsiglia negli scorsi giorni.

• Se ci sono realmente stati altri spari in una zona vicina agli Champs Elysees, come riportato da alcuni testimoni a circa un’ora dall’attacco. 

• Il numero di persone ferite, oltre agli agenti coinvolti. Secondo alcuni media anche una passante sarebbe rimasta ferita.

SEGUI IL LIVE

— LEGGI ANCHE: Cosa sappiamo finora dell’attacco a Parigi

— LEGGI ANCHE: L’Isis ha rivendicato l’attacco di Parigi

GUARDA LE PRIME IMMAGINI DELLA SPARATORIA A PARIGI

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus