Me
La corte suprema russa ha bandito i testimoni di Geova
Condividi su:

La corte suprema russa ha bandito i testimoni di Geova

Il gruppo religioso viene definito come “estremista”. Le sue attività sul territorio russo vengono vietate e tutti i suoi beni sono stati confiscati

20 Apr. 2017

La corte suprema russa ha vietato l’attività dei testimoni di Geova su tutto il territorio, definendo la loro organizzazione religiosa “estremista”. Con la sentenza la corte ha deciso di sequestrare i beni a favore dello stato. 

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

La corte suprema ha accolto una richiesta del ministero della Giustizia, nella quale si proponeva di far cessare l’attività del quartier generale del gruppo vicino a San Pietroburgo.

Le autorità russe hanno inserito alcune pubblicazioni in una lista di letture bandite perché estremiste. I giudici hanno definito l’organizzazione come causa della distruzione di famiglie e di incitamento all’odio. I testimoni di Geova hanno annunciato che impugneranno la sentenza, rigettando tutte le accuse della corte. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus